Cronologia della vita di Cristoforo Colombo

Alleanza Cattolica 28 anni fa
Prima pagina  /  Cristianità  /  Cronologia della vita di Cristoforo Colombo

Cristianità n. 203 (1992)

1451. Nasce a Genova tra il 25 agosto e il 31 ottobre.

1474-1476. Compie i primi viaggi in mare aperto, a Chio, nell’Egeo, e, forse, un’impresa corsara a Tunisi.

13 Agosto 1476. Giunge fortunosamente in Portogallo dopo un naufragio.

1476-1483. Si stabilisce a Lisbona da dove compie viaggi verso l’Inghilterra, l’Irlanda, forse l’Islanda, gli arcipelaghi atlantici e le coste della Guinea.

1479-1480. Sposa Felipa Moniz Perestrello; dalla loro unione nascerà Diego.

1480-1482. A questi anni dovrebbe risalire la corrispondenza con Paolo dal Pozzo Toscanelli.

1484. Propone a Giovanni II, re di Portogallo, il suo progetto, ma ne riceve un rifiuto.

1485. Morta la moglie Felipa, si trasferisce in Spagna, nella zona di Palos.

Gennaio 1486. Ad Alcalá de Henares, viene ricevuto dai Re Cattolici, ai quali espone il suo progetto.

Agosto 1488. Nasce Ferdinando, figlio naturale di Colombo e di Beatriz Enriquez de Harana.

2 gennaio 1492. I Re Cattolici entrano vittoriosi in Granada, mettendo fine alla Reconquista.

17 aprile 1492. I sovrani sottoscrivono in questa data le Capitolazioni nell’accampamento reale di Santa Fé.

3 agosto 1492. Al comando di 3 imbarcazioni lascia il porto di Palos, iniziando il primo dei suoi quattro viaggi, e il 6 settembre, dopo una sosta tecnica alle Canarie, la flotta inizia la vera e propria traversata oceanica.

12 ottobre 1492. Dopo 33 giorni di navigazione, viene avvistata l’isola di Guanahanì, l’indomani ribattezzata San Salvador, nell’arcipelago delle Bahamas.

Ottobre-dicembre 1492. Vengono scoperte Santa Maria de la Concepción, Fernandina, Isabela, le Islas de Arena, Cuba, il 27 ottobre, e Hispaniola, il 6 dicembre.

25 dicembre 1492. La Santa Maria naufraga; con i rottami viene edificata la fortezza della Navidad.

16 gennaio 1493. Le due caravelle rimaste intraprendono il viaggio di ritorno.

4 marzo 1493. La Niña, capitanata da Cristoforo Colombo, giunge a Lisbona, e il 15 marzo, dopo 32 settimane, rientra nel porto di Palos, concludendo così il primo viaggio.

Aprile 1493. Viene trionfalmente accolto dai sovrani a Barcellona.

25 settembre 1493. Al comando di 17 navi e 1700 uomini, parte da Cadice per il secondo viaggio.

3 novembre 1493. Salpata il 13 ottobre da Ferro, nelle Canarie, la flotta raggiunge la Dominica, e quindi, il 27 novembre, la Hispaniola.

Aprile 1494. Compie esplorazioni lungo la costa meridionale di Cuba e scopre la Giamaica.

10 marzo 1496. Inizia il viaggio di ritorno, conclusosi a Cadice l’11 giugno.

30 maggio 1498. Parte con 6 imbarcazioni per il terzo viaggio, giungendo il 31 luglio in vista di Trinidad.

Agosto 1498. Tocca per la prima volta le sponde del continente sudamericano.

Autunno 1498-estate 1500. A Hispaniola deve far fronte alle rivolte degli spagnoli e degli indigeni.

Agosto 1500. Francisco de Bobadilla, abusando del suo incarico, arresta Cristoforo Colombo, che, incatenato, giunge in Spagna alla fine di ottobre.

1501. Scrive il cosiddetto Libro de las Profecias.

11 maggio 1502. Lascia Cadice e inizia il quarto viaggio al comando di 4 caravelle, arrivando a Hispaniola alla fine di giugno.

30 luglio 1502. Giunge sulla costa dell’Honduras; fino al 16 aprile 1503 esplorerà le coste dell’America Centrale, toccando Nicaragua, Costarica e Panama.

25 giugno 1503-28 giugno 1504. Si dirige verso Cuba e poi in Giamaica, dove attenderà per un anno i soccorsi.

12 settembre 1504. Giunto in agosto a Hispaniola, lascia definitivamente le Indie Occidentali.

7 novembre 1504. Con l’arrivo a San Lucar de Barrameda ha termine il quarto e ultimo viaggio.

20 maggio 1506: Ricevuti i sacramenti, circondato dai figli, dai fratelli, dai servitori e dagli amici, muore a Valladolid.

Categorie:
  Cristianità, Editoriali e note non firmate
Autore

 Alleanza Cattolica

  (2701 Articoli)

Alleanza Cattolica è un’associazione di laici cattolici che si propone lo studio e la diffusione della dottrina sociale della Chiesa. Il motto dell’associazione è “Ad maiorem Dei gloriam et socialem”, “Per la maggior gloria di Dio anche sociale”. Lo stemma di Alleanza Cattolica è costituito da un’aquila nera con un cuore rosso sormontato dalla croce. L’aquila è l’animale simbolico dell’apostolo san Giovanni e testimonia la volontà di essere figli di Maria, come l’Apostolo prediletto che ha riposato sul Cuore di Gesù. Circa il cuore, dice Pio XII che “è […] nostro vivissimo desiderio che quanti si gloriano del nome di cristiani e intrepidamente combattono per stabilire il regno di Cristo nel mondo, stimino l’omaggio di devozione al Cuore di Gesù come vessillo di unità, di salvezza e di pace”. Circa la croce sul cuore, cfr. il Cantico dei Cantici (8, 6): “ponimi come sigillo sul tuo cuore”.