Decreto Legge n. 19/2020: a rischio la libertà religiosa

Alleanza Cattolica 3 mesi fa
Prima pagina  /  Comunicati  /  Decreto Legge n. 19/2020: a rischio la libertà religiosa

COMUNICATO STAMPA

Dopo una prima stesura, fatta circolare ieri, che prevedeva come misura di contenimento alla diffusione del Covid19 addirittura la chiusura delle chiese, il testo poi pubblicato del Decreto Legge n. 19/2020 all’art. 1 co. 2 lett. h) si “limita” a disporre la “sospensione delle cerimonie civili e religiose” e la “limitazione dell’ingresso nei luoghi destinati al culto”. La formulazione è meno oppressiva, ma si presta ad arbitri e ad abusi applicativi: è già accaduto che forze dell’ordine abbiano denunciato chi aiuta un sacerdote alla diretta streaming della celebrazione della S. Messa, ovvero che non ritengano quale valida giustificazione per uscire da casa – e quindi denuncino – recarsi nella chiesa più vicina, mantenendo distanze e cautele, per una preghiera.

La “limitazione” è nelle disposizioni generali sull’emergenza: indicarla in modo più specifico per i luoghi di culto può dare l’idea che sia qualcosa di più penetrante, in contrasto con la Costituzione e con il Concordato. Le chiese sono oggi fra i pochi luoghi rimasti dove cercare conforto per superare la situazione drammatica in atto: confidiamo che in sede di conversione del DL una norma così ambigua possa essere eliminata, o che si colleghi l’autocertificazione anche alla possibilità di raggiungere la chiesa più vicina al proprio domicilio.

Alleanza Cattolica

Milano, 26 marzo 2020

Categorie:
  Comunicati, In evidenza
Autore

 Alleanza Cattolica

  (2695 Articoli)

Alleanza Cattolica è un’associazione di laici cattolici che si propone lo studio e la diffusione della dottrina sociale della Chiesa. Il motto dell’associazione è “Ad maiorem Dei gloriam et socialem”, “Per la maggior gloria di Dio anche sociale”. Lo stemma di Alleanza Cattolica è costituito da un’aquila nera con un cuore rosso sormontato dalla croce. L’aquila è l’animale simbolico dell’apostolo san Giovanni e testimonia la volontà di essere figli di Maria, come l’Apostolo prediletto che ha riposato sul Cuore di Gesù. Circa il cuore, dice Pio XII che “è […] nostro vivissimo desiderio che quanti si gloriano del nome di cristiani e intrepidamente combattono per stabilire il regno di Cristo nel mondo, stimino l’omaggio di devozione al Cuore di Gesù come vessillo di unità, di salvezza e di pace”. Circa la croce sul cuore, cfr. il Cantico dei Cantici (8, 6): “ponimi come sigillo sul tuo cuore”.