Depositato il ricorso al TAR del CSL contro il persistente divieto di partecipare alle cerimonie religiose

Alleanza Cattolica 2 mesi fa
Prima pagina  /  Comunicati  /  Depositato il ricorso al TAR del CSL contro il persistente divieto di partecipare alle cerimonie religiose

Nota del Centro Studi “Rosario Livatino” del 02/05/2020

Giovedì 30 aprile gli avv. Stefano Gattamelata e Mauro Giovannelli, su mandato del Centro studi Livatino, hanno presentato ricorso al TAR-Lazio contro il dPCM 26/04/20, nella parte in cui, all’art. 1 co. 1 lett. i), conferma la sospensione delle cerimonie religiose, con la sola esclusione di quelle funebri (e queste a determinate condizioni). In allegato il testo integrale dell’atto.

Il ricorso ruota in particolare sulla grave compressione della libertà religiosa, poiché ai fedeli di ogni confessione – non solo la Chiesa cattolica -, i cui riti hanno cadenza periodica, è preclusa la fruizione delle relative celebrazioni, pur se adottino le medesime precauzioni che invece permettono l’accesso in siti chiusi, come i supermercati o i luoghi di lavoro che riapriranno il 4 maggio. Sottolinea altresì la violazione di altre disposizioni costituzionali, come gli art. 3, 7 e 8 Cost.

L’iniziativa è aperta all’adesione di altre realtà associative: sia di quelle che, in coerenza con i propri scopi statutari, intendano proporre un intervento ad adjuvandum, sia più in generale di coloro che condividono il lavoro in corso.

Il Centro studi Rosario Livatino
Roma, 2 maggio 2020

Categorie:
  Comunicati, In evidenza
Autore

 Alleanza Cattolica

  (2698 Articoli)

Alleanza Cattolica è un’associazione di laici cattolici che si propone lo studio e la diffusione della dottrina sociale della Chiesa. Il motto dell’associazione è “Ad maiorem Dei gloriam et socialem”, “Per la maggior gloria di Dio anche sociale”. Lo stemma di Alleanza Cattolica è costituito da un’aquila nera con un cuore rosso sormontato dalla croce. L’aquila è l’animale simbolico dell’apostolo san Giovanni e testimonia la volontà di essere figli di Maria, come l’Apostolo prediletto che ha riposato sul Cuore di Gesù. Circa il cuore, dice Pio XII che “è […] nostro vivissimo desiderio che quanti si gloriano del nome di cristiani e intrepidamente combattono per stabilire il regno di Cristo nel mondo, stimino l’omaggio di devozione al Cuore di Gesù come vessillo di unità, di salvezza e di pace”. Circa la croce sul cuore, cfr. il Cantico dei Cantici (8, 6): “ponimi come sigillo sul tuo cuore”.