Frammento 94

+

Prima del Risorgimento in Italia viveva una nazione caratterizzata da una grande cultura, grande non solo nell’apprezzamento soggettivo dei suoi portatori e fruitori immediati ‒ anzi, in loro spesso oggetto di insufficiente valorizzazione, in quanto insidiata dalla degenerazione dell’ ”apertura al prossimo”, cioè dall’esterofilia, ma anche in quello dei suoi numerosi ammiratori e imitatori, la cui sola consistente presenza testimoniava l’universalità di tale cultura, non mai organica al potere politico, quindi non mai imposta. Questa nazione, in conformità con le sue ricchezze culturali, anche di cultura politica, e con la sua diversa storia, si organizzava politicamente in più strutture statuali, caratterizzate da una mirabile varietà istituzionale. L’unione forzata in un grande Stato, prodotta dall’intentio di abbattere sia in religione che in politica referenti culturali e istituzionali sovranazionali, quindi garanti anche nella storia dell’universalità, ha disperso una parte rilevante di tali inestimabili ricchezze culturali e resa piccola la nazione, sì che, contro e oltre il Risorgimento storico, termine seducente, ma propagandistico, si deve auspicare la realizzazione di un Antirisorgimento: certa la sostanza, nessuno si dorrà più di tanto se, conformemente al modo di esprimersi degli uomini, lo si vorrà chiamare “Risorgimento autentico” o “vero”, come alla Pseudo-Riforma è invalso l’uso di contrapporre piuttosto la Riforma cattolica che la Contro-Riforma.

 

Nazione, nazionalismi, realtà locali, Risorgimento, in Cristianità. Organo Ufficiale di Alleanza Cattolica, anno XX, n. 209-210, settembre-ottobre 1992, p. 23. Testo trascritto da L’Alfiere. Pubblicazione napoletana tradizionalista, n. 8, Napoli maggio 1992, p. 9. Nella versione pubblicata su Cristianità i riferimenti sono stati integrati e portati in nota, e i sottotitoli sono redazionali

 

Categorie:
  Fragmentarium di Giovanni Cantoni, In evidenza
Autore

 Alleanza Cattolica

  (2701 Articoli)

Alleanza Cattolica è un’associazione di laici cattolici che si propone lo studio e la diffusione della dottrina sociale della Chiesa. Il motto dell’associazione è “Ad maiorem Dei gloriam et socialem”, “Per la maggior gloria di Dio anche sociale”. Lo stemma di Alleanza Cattolica è costituito da un’aquila nera con un cuore rosso sormontato dalla croce. L’aquila è l’animale simbolico dell’apostolo san Giovanni e testimonia la volontà di essere figli di Maria, come l’Apostolo prediletto che ha riposato sul Cuore di Gesù. Circa il cuore, dice Pio XII che “è […] nostro vivissimo desiderio che quanti si gloriano del nome di cristiani e intrepidamente combattono per stabilire il regno di Cristo nel mondo, stimino l’omaggio di devozione al Cuore di Gesù come vessillo di unità, di salvezza e di pace”. Circa la croce sul cuore, cfr. il Cantico dei Cantici (8, 6): “ponimi come sigillo sul tuo cuore”.