Gli effetti negativi della televisione e la responsabilità dei genitori nella formazione nei figli di sane abitudini nel vedere

Alleanza Cattolica 26 anni fa
Prima pagina  /  Cristianità  /  Gli effetti negativi della televisione e la responsabilità dei genitori nella formazione nei figli di sane abitudini nel vedere

Giovanni Paolo II, Messaggio per la XXVIII Giornata Mondiale delle Comunicazioni sociali Televisione e famiglia: criteri per sane abitudini nel vedere, del 24-1-1994, in L’Osservatore Romano, 24/25-1-1994. Traduzione dall’originale in inglese e titolo redazionali.
Cristianità, 225-226 (1994)

 

 

La televisione può […] danneggiare la vita familiare: diffondendo valori e modelli di comportamento degradanti; mandando in onda pornografia e immagini di brutale violenza; inculcando il relativismo morale e lo scetticismo religioso; diffondendo resoconti distorti e manipolatori sui fatti di cronaca e sui problemi di attualità; trasmettendo pubblicità profittatrice, che fa appello ai più bassi istinti; ed esaltando false visioni della vita, che ostacolano la realizzazione del reciproco rispetto, della giustizia e della pace.

La televisione può ancora avere effetti negativi sulla famiglia anche quando i programmi televisivi non sono di per sé moralmente criticabili. Essa può isolare i membri della famiglia nei loro mondi privati, tagliandoli fuori dalle autentiche relazioni interpersonali; può anche dividere la famiglia, rendendo estranei i genitori ai figli e i figli ai genitori.

Quindi, oltre a essere spettatori in grado di discernere per sé stessi, i genitori devono contribuire attivamente a formare nei propri figli abitudini nel vedere la televisione che portino a un sano sviluppo umano, morale e religioso. I genitori devono anticipatamente informarsi sul contenuto dei programmi e fare su questa base una scelta consapevole per il bene della famiglia se guardare o non guardare. […]

Formare le abitudini dei figli a volte può semplicemente voler dire spegnere il televisore perché vi sono cose migliori da fare, o perché la considerazione verso altri membri della famiglia lo richiede o perché la visione indiscriminata della televisione può essere dannosa. I genitori che si servono abitualmente e a lungo della televisione come di una specie di baby-sitter elettronica, abdicano al loro ruolo di primari educatori dei propri figli. Tale dipendenza dalla televisione può privare i membri della famiglia di occasioni per interagire l’uno con l’altro attraverso la conversazione, attività svolte assieme e la preghiera comune. I genitori saggi sono inoltre consapevoli del fatto che anche i buoni programmi devono essere integrati da altre fonti di informazione, intrattenimento, educazione e cultura.

Giovanni Paolo II

Categorie:
  Cristianità, Magistero pontificio
Autore

 Alleanza Cattolica

  (2699 Articoli)

Alleanza Cattolica è un’associazione di laici cattolici che si propone lo studio e la diffusione della dottrina sociale della Chiesa. Il motto dell’associazione è “Ad maiorem Dei gloriam et socialem”, “Per la maggior gloria di Dio anche sociale”. Lo stemma di Alleanza Cattolica è costituito da un’aquila nera con un cuore rosso sormontato dalla croce. L’aquila è l’animale simbolico dell’apostolo san Giovanni e testimonia la volontà di essere figli di Maria, come l’Apostolo prediletto che ha riposato sul Cuore di Gesù. Circa il cuore, dice Pio XII che “è […] nostro vivissimo desiderio che quanti si gloriano del nome di cristiani e intrepidamente combattono per stabilire il regno di Cristo nel mondo, stimino l’omaggio di devozione al Cuore di Gesù come vessillo di unità, di salvezza e di pace”. Circa la croce sul cuore, cfr. il Cantico dei Cantici (8, 6): “ponimi come sigillo sul tuo cuore”.