Il crocifisso ci insegna quanto è terribile la vendetta divina del peccato

P. Jean Nicolas Grou S. J.
Alleanza Cattolica 42 anni fa
Prima pagina  /  Cristianità  /  Il crocifisso ci insegna quanto è terribile la vendetta divina del peccato

P. Jean Nicolas Grou S. J., Cristianità n. 34-35 (1978)


IL CROCIFISSO CI INSEGNA QUANTO È TERRIBILE LA VENDETTA DIVINA DEL PECCATO

 

I. Sono i peccati degli uomini che hanno appeso Gesù Cristo alla croce. I Giudei non son stati che strumenti della giustizia divina. Gesù Cristo si era addossati i peccati del mondo, e Dio, dimenticando, per così dire, che era il suo Figlio prediletto, riversò su lui tutti i rigori della sua giustizia, e lo diede alla morte. Egli è stato colpito, dice il profeta, dalla mano di Dio a causa dei nostri peccati.

Se Gesù Cristo, per espiare dei peccati che non aveva commesso, non ha trovato in suo Padre alcuna clemenza, che sarà dei peccatori stessi, quando una morte impenitente li farà cadere nelle mani di Dio? Se, come ha detto il Salvatore, il più grande rigore è stato esercitato sull’albero ferace e sul legno verde, che farà egli del legno secco e dell’albero sterile e infruttuoso?

II. Il più piccolo sentimento di dolore, la più piccola umiliazione erano nel Figlio di Dio di un merito infinito. Eppure Egli ha voluto, per espiare i nostri peccati, passare per ogni genere di dolore e di obbrobri, reputando necessario di assorbire fino in fondo il calice della collera divina. E come potrà una meschina creatura, colpevole davanti a Dio, trovare dei dolori e dei tormenti infiniti, e delle forze per sopportarli, per soddisfare l’infinita gravità delle sue colpe?

III. Poiché le soddisfazioni di una creatura colpevole verso Dio, sono limitate e senza proporzioni con la infinita sua grandezza, la giustizia divina ne prenderà vendetta infinita nell’eternità senza fine. Avverrà di questa terribile giustizia, come della misericordia divina: questa è infinita, perché dataci dai meriti infiniti del Figlio di Dio, nostro Salvatore: quella sarà infinita, perché i suoi rigori non avranno termine. È dunque una cosa terribile e spaventosa cadere nelle mani del Dio vivente.

IV. Il calvario è come un teatro dove risplendono l’infinita giustizia e l’infinita misericordia di Dio. Vi troviamo la giustizia infinita di Dio, nella terribile vendetta che egli prende sul proprio Figlio. Vi troviamo la sua infinita misericordia nell’accettazione del sacrificio della sua vita, per l’espiazione dei nostri peccati. Senza purificazione dell’anima nel sangue prezioso del Salvatore, noi non potremmo essere oggetto della misericordia, ma bensì diverremo oggetto della giustizia, i cui rigori saranno infiniti in sé e nella loro durata. 

PADRE JEAN NICOLAS GROU S. J.

Caratteristiche della vera devozione, trad. it., 5ª ed. riveduta e corretta, Casa Editrice Serafino Majocchi, Milano 1951, pp. 99-100.

 

Categorie:
  Cristianità, Verità dimenticate
Autore

 Alleanza Cattolica

  (2697 Articoli)

Alleanza Cattolica è un’associazione di laici cattolici che si propone lo studio e la diffusione della dottrina sociale della Chiesa. Il motto dell’associazione è “Ad maiorem Dei gloriam et socialem”, “Per la maggior gloria di Dio anche sociale”. Lo stemma di Alleanza Cattolica è costituito da un’aquila nera con un cuore rosso sormontato dalla croce. L’aquila è l’animale simbolico dell’apostolo san Giovanni e testimonia la volontà di essere figli di Maria, come l’Apostolo prediletto che ha riposato sul Cuore di Gesù. Circa il cuore, dice Pio XII che “è […] nostro vivissimo desiderio che quanti si gloriano del nome di cristiani e intrepidamente combattono per stabilire il regno di Cristo nel mondo, stimino l’omaggio di devozione al Cuore di Gesù come vessillo di unità, di salvezza e di pace”. Circa la croce sul cuore, cfr. il Cantico dei Cantici (8, 6): “ponimi come sigillo sul tuo cuore”.