Intervista a Mons. Raspanti, Vescovo di Acireale

Humilitas ac Dulcedo
Alleanza Cattolica 3 mesi fa
Prima pagina  /  In evidenza  /  Intervista a Mons. Raspanti, Vescovo di Acireale

Mai come in questo tempo drammatico occorre che la Chiesa non perda contatto con i fedeli e, anche, entri in sintonia con i cosiddetti “lontani”, affinché essi ne vedano e ne sentano la presenza. Alleanza Cattolica, pertanto, chiede ai vescovi italiani di raccontare come stanno operando nelle proprie diocesi per affrontare l’epidemia di coronavirus e le sue drammatiche conseguenze nella vita quotidiana, in un momento, peraltro, in cui la partecipazione alla santa messa è interdetta ai fedeli per ragioni di ordine sanitario. Lo scopo principale delle interviste è quindi quello di ricordare a tutti, pastori e fedeli, l’importanza della preghiera pubblica, attraverso la quale si chiede l’intervento del Signore della storia e si cerca di rendere visibile a tutti la presenza di Dio. A questo proposito, Alleanza Cattolica si è rivolta a Sua Eccellenza mons. Antonino Raspanti, vescovo di Acireale.


D. Eccellenza, come valuta nella diocesi da Lei guidata, la situazione determinata dall’emergenza epidemica, anche in relazione alle necessità pastorali dei fedeli?

R. Il quadro sanitario, purtroppo, registra una crescita costante dei contagi. E solo in questi ultimi giorni, si è notata, da parte della popolazione, una vera ed estesa presa di coscienza relativa all’osservanza delle regole. Ma questo perché in Sicilia si sono verificati vari casi di contagio, nonché qualche decesso. A fronte del cambiamento degli stili di vita imposto da tale situazione, la diocesi di Acireale si è attrezzata, come del resto tutte le altre diocesi d’Italia, con gli strumenti della comunicazione web ovvero telefonica, per essere vicini in tutti i modi possibili alle persone. Essere vicini vuole dire che noi come sacerdoti e pastori siamo presenti e dimostriamo la nostra presenza secondo le diverse modalità oggi praticabili: sia, per l’appunto, attraverso la comunicazione per mezzo della rete web, sia attraverso azioni caritative concrete, per quanto è consentito dalle regole a cui occorre attenersi. Indico quale esempio il sistema caritativo-assistenziale della Diocesi. La Caritas diocesana, così come la Conferenza di San Vincenzo de’ Paoli, è molto attiva e dispone di sedi operative in tre comuni della Diocesi. Peraltro, sono le stesse strutture comunali ad avere chiesto ai volontari della Caritas di intervenire e svolgere la loro attività assistenziale, consegnando, ad esempio, le medicine o i pacchi spesa presso le abitazioni di coloro i quali si trovano nell’impossibilità di uscire da casa. Sono i nostri volontari a effettuare le compere e le consegne per conto di chi ne fa richiesta, attenendosi ovviamente a tutte le necessarie precauzioni. Per il comune di Acireale, i responsabili della Protezione Civile si sono offerti di fornirci, ai fini di questo servizio, guanti e mascherine, e allo stesso tempo ci hanno chiesto di segnalare loro i nomi di coloro i quali hanno chiamato per richiedere aiuti, in modo tale che essi possano avere un migliore controllo del territorio e dunque possano porsi nelle condizioni di essere in grado aiutare chi ha effettivamente bisogno. Oltretutto, la Diocesi ha lasciato attive le due mense che da essa dipendono, così come la casa alloggio, che dispone di dieci posti letto e nella quale sono accolti alcuni senza tetto. A questi ultimi, vista l’attuale situazione, è stata assicurata la continuità di permanenza, con i relativi servizi di assistenza (pasti, pulizie, ecc.). Tutto ciò grazie al lavoro dei volontari.

Dal punto di vista della pratica religiosa e della preghiera, va rilevato come circa la metà delle parrocchie – ossia tutte quelle che hanno a disposizione gli adeguati mezzi tecnici – quotidianamente trasmetta in video la santa Messa, il santo Rosario e, il venerdì, la Via Crucis, considerato che siamo in tempo di Quaresima. Altre realtà ecclesiali, ancora, trasmettono dei messaggi a specifiche comunità di fedeli. Porto gli esempi dell’Ufficio per la Pastorale Giovanile e di quello dei Catechisti, che comunicano costantemente con i gruppi giovanili e con i catechisti della Diocesi, per fornire loro le necessarie informazioni su come organizzare le attività per i bambini o per i ragazzi un po’ più grandi. Fra gli altri, seguiamo un gruppo di adulti che la notte di Pasqua dovrebbe ricevere il battesimo. Gli adulti sono stati già da me introdotti al sacramento, in cattedrale, nel giorno del mercoledì delle Ceneri, solo che per confermare la data del battesimo attendiamo l’evoluzione dei fatti. Ma soprattutto nella Diocesi le chiese rimangono accessibili, con il medesimo orario dei giorni precedenti alle restrizioni, pur sapendo che durante il periodo di apertura ai fedeli vi fanno ingresso pochissime persone, per lo più in correlazione ad altre uscite: chi va a comprare il pane oppure va a comprare le medicine, passando davanti alla chiesa, entra e vi si sofferma. I parroci, poi, si recano presso i fedeli che ne fanno richiesta, per portare loro la Comunione o per amministrare la Confessione, specialmente nel caso di persone ammalate, oppure per portare il Viatico ai moribondi. Benedicono poi le salme, per l’ovvia ragione che si continua a morire, a prescindere dal coronavirus. Chi entra in chiesa e lo chiede riceve il sacramento della Confessione, di regola nell’ufficio parrocchiale e con le dovute precauzioni. C’è quindi una vita ecclesiale necessariamente ridotta nella dimensione fisica, ma molto intensa nella comunicazione. Peraltro, dai numeri rilevati attraverso le trasmissioni in streaming, l’ascolto della celebrazione della messa risulta sensibilmente superiore rispetto alla media della partecipazione alle funzioni che si registrava prima della diffusione dell’epidemia. Per esempio, la messa da me celebrata alle otto del mattino ottiene un numero molto elevato di visualizzazioni ed è ritrasmessa in differita sia da una televisione di Acireale, sia da una di Trapani, con numeri, ripeto, effettivamente alti, se si considera che si tratta di una messa feriale. Insomma, benché non vi sia una risposta di massa, l’incremento però risulta significativo. Gli stessi videomessaggi che in varie occasioni ho messo in rete hanno ricevuto riscontri apprezzabili. In molti percepiscono il nostro sforzo di essere presenti, il fatto che non abbandoniamo il territorio e che non veniamo meno ai nostri doveri pastorali. E non smettiamo di pregare. Intrattengo poi contatti con il personale sanitario dell’ospedale di Acireale e con i responsabili del carcere (da poco, a questo proposito, ho inviato un messaggio ai carcerati), perché in questi luoghi si vive davvero una situazione di grande difficoltà. In sostanza, mi sembra di potere affermare che la Chiesa italiana in questo momento c’è: è presente e cerca di condividere le sofferenze che tutti stiamo vivendo.

D. Considerata la scarsità, se non la quasi totale assenza, di riferimenti religiosi nella comunicazione pubblica, per quali ragioni culturali e storiche, secondo Lei, la dimensione religiosa risulta estromessa dalla vita pubblica del nostro Paese (e di gran parte del mondo occidentale)?

R. Questo fenomeno dipende dal secolarismo imperante, nonché da un certo tipo di laicismo, evidente per esempio in Francia e in Italia, ma ora, più di recente, anche in Spagna. Sono nazioni politicamente egemonizzate dal laicismo, per cui non si vuole concedere parola pubblica – o almeno non la si vuole concedere facilmente – agli uomini di religione. Li si interpella, ma incasellandoli secondo le proprie categorie di riferimento, tutt’al più chiedendo la loro opinione o informandosi su quali decisioni prendano riguardo ai propri fedeli. Tutto ciò, del resto, è la conseguenza di un retaggio e di un portato culturale, possiamo dire, lungo di secoli. Questa situazione potrebbe, in qualche modo, aprire nuovi squarci alla presenza pubblica dei cattolici? Probabilmente sì. Anche se non lo prevedo a brevissima scadenza. Tuttavia, si notano, ora qui ora lì, piccoli segnali. Abbiamo visto, per esempio, qualche sindaco rivolgere una preghiera pubblica. Si tratta, per l’appunto, di piccoli segnali che lascerebbero presagire delle possibili aperture a una maggiore presenza pubblica della fede cattolica, sebbene ancora trovo prematuro parlarne. Sarà necessario, da parte nostra, disporre di tempo e, forse, anche di maggiore credibilità.

D. Ma anche in una prospettiva laica, nella prospettiva del non credente, la preghiera potrebbe rappresentare un elemento di coesione sociale in un momento molto difficile. Perché, a differenza che in altri momenti storici, le classi dirigenti non ritengono necessario appellarsi alla preghiera e alla penitenza come mezzi per affrontare l’emergenza sanitaria? Perché questa refrattarietà a un appello alla fede?

R. Credo che i governi italiani, e soprattutto, in alcune delle sue componenti, il governo attuale, non abbiano una lunga e profonda formazione religiosa, o almeno così sembra dall’apparenza esterna. Ragione per cui da una parte, constato che i nostri attuali governanti sono troppo schiacciati dall’emergenza, direi quasi sommersi, con le inevitabili ansie, determinate dalle urgenze dei tempi, e pertanto non riescono a riflettere abbastanza; dall’altra parte, a mio avviso, si registra il riflesso di una minore sensibilità al sentimento religioso, dalla quale consegue la ritrosia a fare appello all’intervento divino. Per altro verso, è anche vero che hanno avuto luogo varie consultazioni tra il Ministero dell’Interno e la Presidenza del Consiglio, da una parte, e la Conferenza Episcopale Italiana (per quanto riguarda la Chiesa Cattolica), dall’altra. Ci sono stati dei contatti, nel corso di questa emergenza. Da parte dei governanti, c’è quindi attenzione alle scelte della Chiesa. Ma questo ricade nell’àmbito delle relazioni istituzionali, che non vengono divulgate al pubblico.

D. La Chiesa Cattolica rappresenta ormai una minoranza, ma in che modo potrebbe invece rafforzare la propria presenza nella vita pubblica? Quali gesti coraggiosi, che vadano oltre la pastorale ordinaria e che aiutino gli italiani a conoscere l’importante lavoro educativo e assistenziale svolto dai cattolici, potrebbe compiere in questo frangente?

R. Oltre a veicolare messaggi strettamente religiosi – la preghiera, il sostegno morale, l’incoraggiamento – e mostrare di essere un solido punto di riferimento – tale, cioè, da non lasciarci coinvolgere dalle ansie e dalle emotività del momento –, in modo che coloro i quali ci ascoltano abbiano chiaro che non siamo soggetti alle oscillazioni indotte dall’emotività, probabilmente noi come Chiesa potremmo anche tornare – e sottolineo tornare, in riferimento a uno specifico momento della storia del Cattolicesimo italiano – con più forza al cosiddetto Cattolicesimo sociale. Potremmo tornare a interessarci, più esplicitamente e con maggiore conoscenza delle relative problematiche, alla vita sociale, alla vita quotidiana: oggi ancora di più, visto che la crisi economica nella nostra società si presenta spaventosa, soprattutto se si considerano le questioni del lavoro, del patto sociale, dell’impresa e della stessa amministrazione locale; questioni che determineranno problemi scottanti e di grandi dimensioni, ai quali noi dovremo prestare più attenzione in riferimento alla vita delle persone, che il cristiano deve vivere in comunione con Cristo. A mio avviso, questo impulso al cambiamento dovrebbe partire dal clero. I vescovi e il clero, cioè, dovrebbero interessarsi a promuovere interventi nella vita sociale, così come accadde nel periodo del Cattolicesimo sociale promosso da papa Leone XIII (1878-1903). Però, dopo una fase iniziale, non potrà più essere principalmente il clero a trattare di questi argomenti e a spendersi nell’azione sociale. La responsabilità ricadrà sul laicato cattolico, che tuttavia dovrà mostrare di possedere competenze e dovrà vivere con fede l’impegno quotidiano di lavoro e, in generale, l’impegno sociale. E dovrà anche essere in grado di comunicare con un linguaggio comprensibile ai credenti, nella loro quotidianità. Qualcosa del genere accadde fra la fine dell’Ottocento e gli inizi del Novecento, quando addirittura tanti sacerdoti assunsero la carica di pro-sindaco o di consigliere comunale. Per circa quindici anni si registrò un grande slancio nell’azione politica e sociale. Fu, come dire, aprire una pista, imprimere una svolta, a cui successivamente corrispose una vera e propria frenata da parte dell’episcopato, sotto papa Pio X (1903-1914). Il messaggio, però, era partito, e il laicato cattolico entrò con piena legittimità nel campo politico. È quindi probabile che oggi, con modalità nuove e diverse, si possa tornare a questa condizione, ma con credibilità e con atteggiamento di ascolto. Dobbiamo tornare a vivere l’Incarnazione della Parola nella storia: in quella della nostra città, del nostro paese e, quanto meno, dell’Europa intera, perché siamo eredi di quel passato. Dovremmo riuscirci, ma non con un atteggiamento approssimativo o confusionario, bensì con spirito di servizio, di professionalità e di conoscenza vera dei problemi. Occorrono persone ben formate, competenti, oneste – e sottolineo oneste –, le quali possano, per l’appunto con onestà intellettuale e competenza, fornire il proprio contributo a una nazione che, sicuramente, da questa prova uscirà stremata, come da una guerra.

                                                                           Sabato, 28 marzo 2020

Categorie:
  In evidenza, Interviste, Interviste ai Vescovi, Magistero episcopale
Autore

 Alleanza Cattolica

  (2700 Articoli)

Alleanza Cattolica è un’associazione di laici cattolici che si propone lo studio e la diffusione della dottrina sociale della Chiesa. Il motto dell’associazione è “Ad maiorem Dei gloriam et socialem”, “Per la maggior gloria di Dio anche sociale”. Lo stemma di Alleanza Cattolica è costituito da un’aquila nera con un cuore rosso sormontato dalla croce. L’aquila è l’animale simbolico dell’apostolo san Giovanni e testimonia la volontà di essere figli di Maria, come l’Apostolo prediletto che ha riposato sul Cuore di Gesù. Circa il cuore, dice Pio XII che “è […] nostro vivissimo desiderio che quanti si gloriano del nome di cristiani e intrepidamente combattono per stabilire il regno di Cristo nel mondo, stimino l’omaggio di devozione al Cuore di Gesù come vessillo di unità, di salvezza e di pace”. Circa la croce sul cuore, cfr. il Cantico dei Cantici (8, 6): “ponimi come sigillo sul tuo cuore”.