John Henri Newman.

La ragionevolezza della fede. Una biografia con ampi passi scelti
Marco Invernizzi 9 mesi fa
Prima pagina  /  In evidenza  /  John Henri Newman.

Adesso che è stato canonizzato, saranno in molti a cercare di capire chi sia stato, cosa abbia fatto, perché venga riconosciuto come santo. Questo libro può aiutare a ricostruire la figura di questo gentleman inglese, nato e cresciuto nella Chiesa anglicana e diventato cardinale cattolico.

Lina Callegari, docente di Filosofia a Fidenza (Parma), ne ricostruisce la vita, attingendo sovente e a lungo a citazioni dalle opere. Newman nasce nel 1801 e muore nel 1890, dopo avere attraversato un secolo segnato dal diffondersi dell’ideologia liberale nella vita politica delle nazioni europee, ma soprattutto nella cultura e all’interno delle stesse Chiese, compresa quella anglicana. Di sé Newman disse di avere sempre combattuto il liberalismo, una ideologia molto simile al relativismo odierno.

Fin dalla giovinezza, il futuro santo mette la ricerca di Dio al centro di ogni cosa. Nel 1825 diventa presbitero anglicano, propendendo fortemente per le idee protestanti. A Oxford comincia poi il distacco da quel retaggio quando Newman contribuisce alla nascita di un movimento interno all’anglicanesimo che cerca una “via media” fra la Chiesa d’Inghilterra e la Chiesa Cattolica nel superamento dell’antipapismo diffuso fra molti anglicani. La “via media” lo conduce così a un progressivo avvicinamento al cattolicesimo, che nel 1845 sfocia nella conversione formale.

Newman inizia così una seconda vita caratterizzata dagli studi a Roma (1845-1847) e poi dal ritorno in Inghilterra, a Edgbaston, vicino a Birmingham, alla guida di un gruppo di oratoriani, la congregazione religiosa fondata da san Filippo Neri (1515-1595) cui aveva scelto di appartenere. La sua presenza in Inghilterra incontra subito ostacoli anche da parte degli old catholic, i cattolici che avevano vissuto in semiclandestinità durante l’epoca della persecuzione e che erano ostili alla pastorale di Newman mirante a un cattolicesimo impegnato nella vita sociale. Incontra anche il dissenso di altri cattolici neoconvertiti, come il cardinale Henry Edward Manning (1808-1892), che sarà il primate della Chiesa cattolica in Inghilterra dal 1862, contrari al fatto che Newman preparasse i laici a testimoniare pubblicamente la fede. In questo periodo, dopo il Concilio Vaticano I (1870), Newman scrive, in una lettera indirizzata al duca di Norfolk, il leader politico dei cattolici inglesi, un commento al dogma dell’infallibilità pontificia lontano dalle esagerazioni infallibiliste di alcuni inglesi, ma pure da ogni forma di riduzionismo.

Creato cardinale nel 1879, Newman è autore di numerose opere, la principale delle quali, e comunque la più rappresentativa del suo pensiero, è Lo sviluppo della dottrina cristiana. Qui il porporato spiega come i dogmi della fede cattolica conoscano uno sviluppo coerente dovuto sia alla miglior comprensione del loro contenuto da parte del soggetto che accoglie e approfondisce i contenuti della Rivelazione, sia per gli sforzi profusi dal Magistero per rendere il deposito della fede sempre più comprensibile agli uomini di ogni tempo, onde favorirne la conversione e la sempre maggiore comprensione della fede.

Categoria:Biografia


Autore:Lina Callegari


Pagine: 432


Prezzo: € 20,00


Anno: 2010


Editore:Ares – Milano


ISBN: 9788881555147


Libreria San Giorgio

Categorie:
  In evidenza, Lo scaffale
Autore

 Marco Invernizzi

  (266 Articoli)

Marco Invernizzi nasce a Milano nel 1952. Nel 1977 si laurea in filosofia all'Università Cattolica del Sacro Cuore con una tesi su Il periodico "Fede e Ragione" nell'ambito della storia del Movimento Cattolico italiano dal 1919 al 1929, relatore il professor Luigi Prosdocimi. Dopo gli studi universitari continua ad approfondire, in modo non puramente intellettualistico - dal 1972 milita in Alleanza Cattolica, della quale è stato responsabile per la Lombardia e per il Veneto fino al 2016-, le vicende del movimento cattolico in Italia. Ha pubblicato, fra l'altro, L'Unione Elettorale Cattolica Italiana. 1906-1919. Un modello di impegno politico unitario dei cattolici(Cristianità, Piacenza 1993); La Chiesa, la politica, il potere attraverso i secoli (contributo a Processi alla Chiesa. Mistificazione e apologia, a cura di Franco Cardini, Piemme, Casale Monferrato 1994); e, con altri, I Papi del nostro secolo, parte prima Da Leone XIII a Pio XII (Italica Libri/Editoriale del Drago, Milano 1991); e Guida introduttiva alla storia della Chiesa cattolica (Mimep-Docete, Pessano [Milano]). Collabora a Cristianità e ad altre riviste e quotidiani. Dal 1989 conduce a Radio Maria la trasmissione settimanale La voce del Magistero. Nella linea di quanto già edito si pone Il movimento cattolico in Italia dalla fondazione dell'Opera dei Congressi all'inizio della seconda guerra mondiale (1874-1939), un'opera di sintesi in cui viene ripercorsa la storia del movimento cattolico, con particolare attenzione alle sue espressioni politiche, dalla Breccia di Porta Pia alla vigilia del secondo conflitto mondiale. Dal 28 maggio 2016 è Reggente Generale di Alleanza Cattolica. Facebook - Instagram - Cathopedia