La pazienza storica

Marco Invernizzi 2 anni fa
Prima pagina  /  Cristianità  /  Articoli e note firmate  /  La pazienza storica

Marco Invernizzi, Cristianità n. 393 (2018)

 

La pubblicazione di questo articolo vuole essere un omaggio a Giovanni Cantoni in occasione del suo ottantesimo compleanno. Fondatore di Alleanza Cattolica, da qualche anno Cantoni, per motivi di salute, ha dovuto abbandonare la guida diretta dell’asso­ciazione, di cui ora è reggente nazionale onorario. Dalle testimonianze traspare con evidenza l’impronta del fondatore, che si è dedicato per decenni alla formazione dei militanti con passione e con generosità.

 

La pazienza storica

 

Vi è un tema ricorrente negli interventi di Giovanni Cantoni, soprattutto ma non solo negli ultimi dieci anni. Riguarda la pazienza, virtù «piccola» ma importante, applicata alla storia «grande». 

È una virtù che i militanti di Alleanza Cattolica conoscono fin dal­l’inizio, quando viene detto loro che l’associazione non promette nulla nell’immediato in termini di risultati politicamente tangibili, ma vuole cercare di preparare un futuro, che la nostra generazione non vedrà ma che qualcuno deve pur cominciare a preparare. Affinché si realizzi la signoria di Cristo sulla storia è necessario che qualcuno ci creda e trasmetta questa speranza perché altri, quando sarà il tempo, possano vedere il trionfo promesso a Fatima del Cuore immacolato di Maria. Un trionfo che non avrà nulla di mondano, ma che rimanda alla contemplazione di sant’Ignazio di Loyola (1491-1556) sui due campi, dove si trovano i due eserciti contrapposti, quello di Cristo e quello del demonio: nel primo si respira un clima di pace e di umiltà, laddove nel secondo regna il caos e dominano l’odio e il rancore.

Cantoni dava grande rilevanza a questa riflessione, perché la sua assenza avrebbe provocato un atteggiamento di ansia perenne e nociva, di ricerca esasperata di risultati e di visibilità e tutto ciò avrebbe compromesso lo stesso apostolato associativo.

Il protagonismo e la ricerca ansiosa dell’egemonia quando non di forme di potere, sono una malattia che corrode le relazioni, soprattutto ma non solo in politica, e purtroppo sono diffuse anche nel mondo cattolico. E nessuno potrà resistere nella tentazione, che certamente verrà, se non si sarà prepararti ad affrontarla.

Ricostruire un mondo devastato da secoli di Rivoluzione non è cosa che si possa realizzare in pochi anni o decenni. Servono uomini dedicati, che abbiano rifiutato la «mondanità», cioè il servizio del mondo invece che il servizio di Dio e del prossimo. Ma ciò non significa assolutamente rinunciare a cercare di incidere nella storia. In quest’ultima possiamo osservare cambiamenti repentini ed effimeri, ma anche svolte radicali. Sempre, quando un uomo si converte e decide di prepararsi per qualcosa di importante, succede qualcosa di grande: è il mondo che comincia a rinnovarsi, veramente. Se poi chi si converte riuscisse a convincere altre persone, allora si costruirebbe un ambiente. Se quest’ultimo diventasse visibile si potrebbe parlare di microcristianità o di cristianità di minoranza, come scriveva il card. Giacomo Biffi (1928-2015). E allora si comincerebbe a vedere più luce e tutto diventerebbe possibile.

Marco Invernizzi

Categorie:
  Articoli e note firmate, Cristianità
Autore

 Marco Invernizzi

  (266 Articoli)

Marco Invernizzi nasce a Milano nel 1952. Nel 1977 si laurea in filosofia all'Università Cattolica del Sacro Cuore con una tesi su Il periodico "Fede e Ragione" nell'ambito della storia del Movimento Cattolico italiano dal 1919 al 1929, relatore il professor Luigi Prosdocimi. Dopo gli studi universitari continua ad approfondire, in modo non puramente intellettualistico - dal 1972 milita in Alleanza Cattolica, della quale è stato responsabile per la Lombardia e per il Veneto fino al 2016-, le vicende del movimento cattolico in Italia. Ha pubblicato, fra l'altro, L'Unione Elettorale Cattolica Italiana. 1906-1919. Un modello di impegno politico unitario dei cattolici(Cristianità, Piacenza 1993); La Chiesa, la politica, il potere attraverso i secoli (contributo a Processi alla Chiesa. Mistificazione e apologia, a cura di Franco Cardini, Piemme, Casale Monferrato 1994); e, con altri, I Papi del nostro secolo, parte prima Da Leone XIII a Pio XII (Italica Libri/Editoriale del Drago, Milano 1991); e Guida introduttiva alla storia della Chiesa cattolica (Mimep-Docete, Pessano [Milano]). Collabora a Cristianità e ad altre riviste e quotidiani. Dal 1989 conduce a Radio Maria la trasmissione settimanale La voce del Magistero. Nella linea di quanto già edito si pone Il movimento cattolico in Italia dalla fondazione dell'Opera dei Congressi all'inizio della seconda guerra mondiale (1874-1939), un'opera di sintesi in cui viene ripercorsa la storia del movimento cattolico, con particolare attenzione alle sue espressioni politiche, dalla Breccia di Porta Pia alla vigilia del secondo conflitto mondiale. Dal 28 maggio 2016 è Reggente Generale di Alleanza Cattolica. Facebook - Instagram - Cathopedia