La presidenza di Bashir Gemayel: una speranza per il Libano e per la comunità cristiano-maronita

Alleanza Cattolica 38 anni fa
Prima pagina  /  Cristianità  /  La presidenza di Bashir Gemayel: una speranza per il Libano e per la comunità cristiano-maronita

Cristianità n. 88-89 (1982)

 

La presidenza di Bashir Gemayel: una speranza per il Libano e per la comunità cristiano-maronita

Comunicato stampa del Comitato per la Libertà dei Cristiani Libanesi

 

Il 23 agosto 1982 Bashir Gemayel – il valoroso comandante delle Forze Libanesi Unificate – è stato eletto dal parlamento del suo paese nuovo capo dello Stato, con un mandato di sei anni.

L’adempimento costituzionale in un paese provato da una lunga guerra, e il suo esito costituiscono motivi di gioia profonda e di fondata speranza per quanti hanno  seguito con partecipazione gli accadimenti che in questi ultimi anni hanno interessato la coraggiosa nazione libanese e, in modo assolutamente particolare, la eroica comunità cristiano-maronita, che ha illuminato con la sua resistenza alla Rivoluzione tempi – come i nostri – spesso caratterizzati solamente da cedimenti.

La gioia nasce dal successo che ha meritatamente arriso a chi ha saputo resistere – spesso circondato solamente dalla calunnia e dalla incomprensione -, sperando contro ogni speranza.

La speranza, poi, si fonda sulla provata serietà e sull’equilibrio del nuovo capo dello Stato libanese, che, in un articolo pubblicato sulla Washington Post il giorno stesso della sua elezione, manifestava il proposito di definire «secondo criteri equi i diritti e gli obblighi dei cittadini basati sulle caratteristiche […] dei nostri valori e delle nostre tradizioni», e, quindi, di risolvere il problema dei profughi palestinesi, non più sottoposti alla tirannia e al ricatto della Organizzazione per la Liberazione della Palestina.

Milano, 24 agosto 1982

Categorie:
  Cristianità, Dichiarazioni e documenti
Autore

 Alleanza Cattolica

  (2699 Articoli)

Alleanza Cattolica è un’associazione di laici cattolici che si propone lo studio e la diffusione della dottrina sociale della Chiesa. Il motto dell’associazione è “Ad maiorem Dei gloriam et socialem”, “Per la maggior gloria di Dio anche sociale”. Lo stemma di Alleanza Cattolica è costituito da un’aquila nera con un cuore rosso sormontato dalla croce. L’aquila è l’animale simbolico dell’apostolo san Giovanni e testimonia la volontà di essere figli di Maria, come l’Apostolo prediletto che ha riposato sul Cuore di Gesù. Circa il cuore, dice Pio XII che “è […] nostro vivissimo desiderio che quanti si gloriano del nome di cristiani e intrepidamente combattono per stabilire il regno di Cristo nel mondo, stimino l’omaggio di devozione al Cuore di Gesù come vessillo di unità, di salvezza e di pace”. Circa la croce sul cuore, cfr. il Cantico dei Cantici (8, 6): “ponimi come sigillo sul tuo cuore”.