La pressione dello Stato ha effetti più gravosi del prepotere del capitale privato

Alleanza Cattolica 37 anni fa
Prima pagina  /  Cristianità  /  La pressione dello Stato ha effetti più gravosi del prepotere del capitale privato

Pio XII, Cristianità n. 96 (1983)

 

Radiomessaggio natalizio al mondo, del 24-12-1942, in Discorsi e Radiomessaggi di Sua Santità Pio XII, vol. IV, p. 337.

 

La pressione dello Stato ha effetti più gravosi del prepotere del capitale privato

 

La dignità della persona umana esige […] normalmente come fondamento naturale per vivere il diritto all’uso dei beni della terra; a cui risponde l’obbligo fondamentale di accordare una proprietà privata, possibilmente a tutti. Le norme giuridiche positive, regolanti la proprietà privata, possono mutare e accordare un uso più o meno circoscritto; ma se vogliono contribuire alla pacificazione della comunità, dovranno impedire che l’operaio, che è o sarà padre di famiglia, venga condannato ad una dipendenza e servitù economica, inconciliabile con i suoi diritti di persona.

Che questa servitù derivi dal prepotere del capitale privato o dal potere dello Stato, l’effetto non muta; anzi, sotto la pressione di uno Stato, che tutto domina e regola l’intera vita pubblica e privata, penetrando fino nel campo delle concezioni e persuasioni e della coscienza, questa mancanza di libertà può avere conseguenze ancora più gravose, come l’esperienza manifesta e testimonia.

Pio XII

 

Categorie:
  Cristianità, Magistero pontificio
Autore

 Alleanza Cattolica

  (2692 Articoli)

Alleanza Cattolica è un’associazione di laici cattolici che si propone lo studio e la diffusione della dottrina sociale della Chiesa. Il motto dell’associazione è “Ad maiorem Dei gloriam et socialem”, “Per la maggior gloria di Dio anche sociale”. Lo stemma di Alleanza Cattolica è costituito da un’aquila nera con un cuore rosso sormontato dalla croce. L’aquila è l’animale simbolico dell’apostolo san Giovanni e testimonia la volontà di essere figli di Maria, come l’Apostolo prediletto che ha riposato sul Cuore di Gesù. Circa il cuore, dice Pio XII che “è […] nostro vivissimo desiderio che quanti si gloriano del nome di cristiani e intrepidamente combattono per stabilire il regno di Cristo nel mondo, stimino l’omaggio di devozione al Cuore di Gesù come vessillo di unità, di salvezza e di pace”. Circa la croce sul cuore, cfr. il Cantico dei Cantici (8, 6): “ponimi come sigillo sul tuo cuore”.