La tattica del Maligno

Alleanza Cattolica 29 anni fa
Prima pagina  /  Cristianità  /  La tattica del Maligno

Giovanni Paolo II, Cristianità n. 195-196 (1991)

Omelia durante la Celebrazione della Parola, a Ponta Delgada, nelle Azzorre, dell’11-5-1991, n. 5, in supplemento a L’Osservatore Romano, 15-5-1991. Titolo e traduzione dal portoghese redazionali.

 

“Vi parla l’amato Discepolo di Cristo, l’Apostolo Giovanni attraverso le parole della sua Lettera […]: “Ho scritto a voi, figlioli, perché avete conosciuto il Padre… Ho scritto a voi, giovani, perché la parola di Dio dimora in voi e avete vinto il maligno” (1 Gv 2, 14). […]

[…]

Siete forti […] per la lotta: non per la lotta contro l’uomo, ma contro il male, o meglio — chiamando per nome il primo artefice del male — , siete forti per la lotta contro il Maligno. La sua tattica consiste nel non rivelarsi apertamente, affinché “il male, da lui inoculato fin dal principio, cresca a partire dall’uomo stesso, dagli stessi sistemi e dai rapporti fra gli uomini, fra le classi e fra le Nazioni… per diventare sempre più “peccato delle strutture” e per lasciarsi sempre meno identificare come “peccato personale”. Di conseguenza, perché l’uomo si senta in qualche modo “liberato” dal peccato e, nello stesso tempo venga a trovarsi sempre più immerso nel peccato” (Lettera apostolica per l’Anno Internazionale della Gioventù, 15). È necessario risalire continuamente alle radici del male e del peccato, cogliere i loro meccanismi nascosti. Giovani, siate forti e vincerete il Maligno, se “la Parola di Dio rimarrà in voi”. In questo modo, riuscirete a modificare gradatamente il mondo, trasformandolo, rendendolo più umano, più fraterno, verso la civiltà dell’amore.

Giovanni Paolo II

Categorie:
  Cristianità, Magistero pontificio
Autore

 Alleanza Cattolica

  (2701 Articoli)

Alleanza Cattolica è un’associazione di laici cattolici che si propone lo studio e la diffusione della dottrina sociale della Chiesa. Il motto dell’associazione è “Ad maiorem Dei gloriam et socialem”, “Per la maggior gloria di Dio anche sociale”. Lo stemma di Alleanza Cattolica è costituito da un’aquila nera con un cuore rosso sormontato dalla croce. L’aquila è l’animale simbolico dell’apostolo san Giovanni e testimonia la volontà di essere figli di Maria, come l’Apostolo prediletto che ha riposato sul Cuore di Gesù. Circa il cuore, dice Pio XII che “è […] nostro vivissimo desiderio che quanti si gloriano del nome di cristiani e intrepidamente combattono per stabilire il regno di Cristo nel mondo, stimino l’omaggio di devozione al Cuore di Gesù come vessillo di unità, di salvezza e di pace”. Circa la croce sul cuore, cfr. il Cantico dei Cantici (8, 6): “ponimi come sigillo sul tuo cuore”.