Politica, Storia e Filosofia. Tre saggi

Alleanza Cattolica 2 anni fa
Prima pagina  /  In evidenza  /  Politica, Storia e Filosofia. Tre saggi

Categoria:Saggi


Autore:Eric Voegelin, a cura di Oscar Sanguinetti, Introduzione di Daniele Fazio


Pagine: 190


Prezzo: € 16,90


Anno: 2018


Editore:D’Ettoris, Crotone


ISBN: 978-88-9328-047-1


Libreria San Giorgio

Il volume, curato da Oscar Sanguinetti, raccoglie tre saggi del filosofo e politologo tedesco-statunitense Eric Voegelin (1901-1985), editi per la prima volta in italiano. A una premessa del curatore (pp. 7-10), seguono l’introduzione di Daniele Fazio, Eric Voegelin, un maître à penser del Novecento” (pp. 11-51) e i tre testi voegeliniani: Il liberalismo e la sua storia (pp. 53-77), Machiavelli e l’ordine del potere (pp. 79-155) nonché Note su tempo e memoria in sant’Agostino (pp. 157-177). Chiudono le indicazioni bibliografiche (pp. 179-183) e l’indice dei nomi (pp. 183-187). La pubblicazione di tale testo, al di là dei tre saggi, è un’occasione per riscoprire il pensiero dell’autore a partire dalla sua analisi della modernità inquadrata nella specie dello gnosticismo.

Per Voegelin, sulla scia di Hans Jonas (1903-1993), lo gnosticismo è soprattutto una corrente speculativa – diversa dalla gnosi religiosa intesa come complesso ereticale del cristianesimo dei primi secoli – la quale, come un fiume carsico, percorre la storia dell’Occidente.

Voegelin usa questa categoria per spiegare le tendenze filosofiche e politiche della modernità dagli albori ai totalitarismi. Il liberalismo, studiato nel primo saggio, risulta esserne una variante, teso alla sovversione della realtà e dell’ordine dell’essere. Come ogni tendenza gnostica, anche il liberalismo, ha insito in sé il rifiuto della realtà così come essa è allo scopo di ri-crearne un’altra che si muova in netta opposizione al progetto di Dio.

Un input al processo di secolarizzazione dello Stato è del resto il pensiero machiavelliano di cui Voegelin, nel secondo saggio, analizza i concetti principali in chiave storico-genetica. Eppure il processo gnostico moderno non è irreversibile. Se crisi vi è, non è obbligatorio che gli uomini vi partecipino.

Il processo contrario, allora, prevede un ritorno alla consapevolezza dei princìpi attraverso la riconnessione tra l’ordine e la storia, di cui la politica è un’espressione significativa. Il centro è la considerazione dell’anima, grande scoperta di Socrate ed elemento centrale della visione antropologica cristiana. L’ultimo saggio, dedicato al tempo e la memoria in sant’Agostino, si può certamente inserire in quest’orizzonte in cui vengono espresse le intime relazioni tra l’anima e il Creatore.

Per riformare non occorre stravolgere, ma andare alle fonti della nostra civiltà per ritrovarne la linfa spirituale e culturale che ha animato e può animare la storia. Da queste punto di vista, la lettura di Voegelin è anche un appello alla considerazione dei grandi filosofi e teologi dell’Occidente: Platone, Aristotele, sant’Agostino e san Tommaso d’Aquino.

Consigliabile per la comprensione di alcuni aspetti della crisi antropologica e politica contemporanea e quindi a quanti sono alla ricerca di spunti per formulare una buona politica

Categorie:
  In evidenza, Lo scaffale
Autore

 Alleanza Cattolica

  (2699 Articoli)

Alleanza Cattolica è un’associazione di laici cattolici che si propone lo studio e la diffusione della dottrina sociale della Chiesa. Il motto dell’associazione è “Ad maiorem Dei gloriam et socialem”, “Per la maggior gloria di Dio anche sociale”. Lo stemma di Alleanza Cattolica è costituito da un’aquila nera con un cuore rosso sormontato dalla croce. L’aquila è l’animale simbolico dell’apostolo san Giovanni e testimonia la volontà di essere figli di Maria, come l’Apostolo prediletto che ha riposato sul Cuore di Gesù. Circa il cuore, dice Pio XII che “è […] nostro vivissimo desiderio che quanti si gloriano del nome di cristiani e intrepidamente combattono per stabilire il regno di Cristo nel mondo, stimino l’omaggio di devozione al Cuore di Gesù come vessillo di unità, di salvezza e di pace”. Circa la croce sul cuore, cfr. il Cantico dei Cantici (8, 6): “ponimi come sigillo sul tuo cuore”.