Per fermare il «treno dei progressisti» guidato dal Partito Democratico della Sinistra

Un appello
Alleanza Cattolica 26 anni fa
Prima pagina  /  Cristianità  /  Per fermare il «treno dei progressisti» guidato dal Partito Democratico della Sinistra

Cristianità n. 225-226 (1994)

 

Per fermare il «treno dei progressisti» guidato dal Partito Democratico della Sinistra

 

Nella prospettiva della tornata elettorale prevista per il 27 e 28 marzo 1994, mentre vi è chi si raccoglie attorno a un sedicente «tavolo progressista», i sottoscritti, non impegnati in organismi partitici, ma non per questo meno pensosi dell’incarnazione politica e sociale dei valori naturali e cristiani e della sorte storica di quanto ne sopravvive in Italia, rivolgono un meditato e pressante appello a chi intende porsi in alternativa, almeno a qualche titolo e per qualche aspetto, al «partito radicale di massa» affinché, di fronte al pericolo maggiore, si sforzi di far tacere ogni personalismo, sappia sopire contrasti minori e voglia rimandare l’affermazione di divergenti punti di vista, quindi ricerchi francamente e tempestivamente con altri il minimo di concertazione e di unità operativa necessario nel quadro del nuovo regime elettorale.

Milano, 26 gennaio 1994

Francesco Mario Agnoli

Ada Annoni

Mario Bernardi Guardi

Rita Calderini

Giovanni Cantoni

Franco Cardini

Claudio Finzi

Francesco Gentile

Domenico Coccopalmerio

Giovanni Codevilla

Enrico Fasana

Enrico Spagnesi

Massimo Introvigne

Lucio Lami

Edoardo Mirri

Mauro Ronco

Marco Tangheroni

Categorie:
  Cristianità, Dichiarazioni e documenti
Autore

 Alleanza Cattolica

  (2701 Articoli)

Alleanza Cattolica è un’associazione di laici cattolici che si propone lo studio e la diffusione della dottrina sociale della Chiesa. Il motto dell’associazione è “Ad maiorem Dei gloriam et socialem”, “Per la maggior gloria di Dio anche sociale”. Lo stemma di Alleanza Cattolica è costituito da un’aquila nera con un cuore rosso sormontato dalla croce. L’aquila è l’animale simbolico dell’apostolo san Giovanni e testimonia la volontà di essere figli di Maria, come l’Apostolo prediletto che ha riposato sul Cuore di Gesù. Circa il cuore, dice Pio XII che “è […] nostro vivissimo desiderio che quanti si gloriano del nome di cristiani e intrepidamente combattono per stabilire il regno di Cristo nel mondo, stimino l’omaggio di devozione al Cuore di Gesù come vessillo di unità, di salvezza e di pace”. Circa la croce sul cuore, cfr. il Cantico dei Cantici (8, 6): “ponimi come sigillo sul tuo cuore”.