Per un nuovo Medioevo

Alleanza Cattolica 40 anni fa
Prima pagina  /  Cristianità  /  Per un nuovo Medioevo

Card. Albino Luciani, Cristianità n. 66 (1980)

 

Catechesi: note sulla terza parte dell’Instrumentum laboris del Sinodo 1977, in La Rivista del Clero Italiano, anno LXI, gennaio 1980, p. 11.

 

PER UN NUOVO MEDIOEVO

 

Nei primissimi tempi Cristo crocifisso era «Judaeis scandalum, gentibus autem stultitia» [«scandalo per i giudei, stoltezza per i gentili»] (1 Cor. 1, 23). Ma lo predicava un Paolo e dietro san Paolo, c’erano Cristo e il Suo Spirito. («Dominus aperuit cor Lydiae intendere his quae dicebantur a Paulo» [«il Signore aprì il cuore di Lidia perché intendesse le cose dette da Paolo»] (Atti 16,14)). Lo stesso Paolo aveva il coraggio di scrivere a Timoteo: «Per Cristo soffro fino a essere incatenato come criminale. Ma non s’incatena la parola di Dio» (2 Tim. 2, 9); Iungmann (Catechetica, n. 22) ha scritto: «Il Medio-Evo è un periodo di splendore per il Cristianesimo, ma le cause di questo splendore sono per noi ancora un mistero». Non esisteva, infatti, catechesi per i fanciulli, era scarsa la predicazione. Bene: Cristo e lo Spirito operano ancora: cerchiamo di essere e di far sorgere uomini con la fede e lo zelo di Paolo; cerchiamo anche di creare, con coraggiose iniziative un ambiente, che possa assomigliare – salvo le necessarie differenze – a quello del Medio-Evo per i valori cristiani diffusi e vissuti.

Card. ALBINO LUCIANI

 

Categorie:
  Cristianità, Magistero pontificio
Autore

 Alleanza Cattolica

  (2701 Articoli)

Alleanza Cattolica è un’associazione di laici cattolici che si propone lo studio e la diffusione della dottrina sociale della Chiesa. Il motto dell’associazione è “Ad maiorem Dei gloriam et socialem”, “Per la maggior gloria di Dio anche sociale”. Lo stemma di Alleanza Cattolica è costituito da un’aquila nera con un cuore rosso sormontato dalla croce. L’aquila è l’animale simbolico dell’apostolo san Giovanni e testimonia la volontà di essere figli di Maria, come l’Apostolo prediletto che ha riposato sul Cuore di Gesù. Circa il cuore, dice Pio XII che “è […] nostro vivissimo desiderio che quanti si gloriano del nome di cristiani e intrepidamente combattono per stabilire il regno di Cristo nel mondo, stimino l’omaggio di devozione al Cuore di Gesù come vessillo di unità, di salvezza e di pace”. Circa la croce sul cuore, cfr. il Cantico dei Cantici (8, 6): “ponimi come sigillo sul tuo cuore”.