Per una cultura integralmente cristiana alternativa alla cultura della modernità

Alleanza Cattolica 28 anni fa
Prima pagina  /  Cristianità  /  Per una cultura integralmente cristiana alternativa alla cultura della modernità

Giovanni Paolo II, Cristianità n. 212 (1992)

Discorso di apertura della IV Conferenza Generale dell’Episcopato Latinoamericano, nell’auditorium della Casa San Paolo di Santo Domingo, del 12-10-1992, nn. 21-22, in supplemento a L’Osservatore Romano, 14-10-1992. Titolo e traduzione dall’originale in spagnolo redazionali.

 

Ai nostri giorni si percepisce una crisi culturale di proporzioni insospettate. Il substrato culturale di oggi presenta certamente un buon numero di valori positivi, di cui molti frutto dell’evangelizzazione; ma, nello stesso tempo, ha eliminato valori religiosi fondamentali e ha introdotto concezioni ingannevoli, che non sono accettabili dal punto di vista cristiano.

L’assenza di questi valori cristiani fondamentali nella cultura della modernità non solo ha offuscato la dimensione del trascendente, facendo passare molte persone all’indifferentismo religioso […], ma è, nello stesso tempo, causa determinante della disillusione sociale in cui è maturata la crisi di questa cultura. Dopo l’autonomia introdotta dal razionalismo, oggi si tende a basare i valori soprattutto su consensi sociali soggettivi che, non di rado, portano a posizioni contrarie anche alla stessa etica naturale. Si pensi al dramma dell’aborto, agli abusi nell’ingegneria genetica, e agli attacchi alla vita e alla dignità della persona.

Di fronte alla pluralità di opzioni che oggi si offrono, si richiede un profondo rinnovamento pastorale mediante il discernimento evangelico sui valori dominanti, sugli atteggiamenti, sui comportamenti collettivi, che spesso rappresentano un fattore decisivo per optare sia per il bene che per il male. Ai nostri giorni si rendono necessari uno sforzo e un tatto particolare per inculturare il messaggio di Gesù, così che i valori cristiani possano trasformare i diversi nuclei culturali, purificandoli, se necessario, e rendendo possibile il consolidarsi di una cultura cristiana che rinnovi, amplii e unifichi i valori storici passati e presenti […].

La Chiesa guarda con preoccupazione alla frattura esistente fra i valori evangelici e le culture moderne, perché queste corrono il rischio di rinchiudersi in sé stesse, in una sorta d’involuzione agnostica e senza riferimento alla dimensione morale (cfr. Discorso al Pontificio Consiglio per la Cultura, 18 gennaio 1983). A questo proposito, conservano pieno vigore quelle parole di Papa Paolo VI: “La rottura tra Vangelo e cultura è senza dubbio il dramma della nostra epoca, come lo fu anche di altre. Occorre quindi fare tutti gli sforzi in vista di una generosa evangelizzazione della cultura, più esattamente delle culture. Esse devono essere rigenerate mediante l’incontro con la buona novella” (Evangelii nuntiandi, n. 20).

La Chiesa, che considera l’uomo come sua “via” (cfr. Redemptor hominis, 14), deve saper dare una risposta adeguata all’attuale crisi della cultura. Di fronte al complesso fenomeno della modernità, è necessario dar vita a un’alternativa culturale pienamente cristiana. Se la vera cultura è quella che esprime i valori universali della persona, chi può proiettare più luce sulla realtà dell’uomo, sulla sua dignità e sulla sua ragion d’essere, sulla sua libertà e sul suo destino, del Vangelo di Cristo?

 

Giovanni Paolo II

Categorie:
  Cristianità, Magistero pontificio
Autore

 Alleanza Cattolica

  (2701 Articoli)

Alleanza Cattolica è un’associazione di laici cattolici che si propone lo studio e la diffusione della dottrina sociale della Chiesa. Il motto dell’associazione è “Ad maiorem Dei gloriam et socialem”, “Per la maggior gloria di Dio anche sociale”. Lo stemma di Alleanza Cattolica è costituito da un’aquila nera con un cuore rosso sormontato dalla croce. L’aquila è l’animale simbolico dell’apostolo san Giovanni e testimonia la volontà di essere figli di Maria, come l’Apostolo prediletto che ha riposato sul Cuore di Gesù. Circa il cuore, dice Pio XII che “è […] nostro vivissimo desiderio che quanti si gloriano del nome di cristiani e intrepidamente combattono per stabilire il regno di Cristo nel mondo, stimino l’omaggio di devozione al Cuore di Gesù come vessillo di unità, di salvezza e di pace”. Circa la croce sul cuore, cfr. il Cantico dei Cantici (8, 6): “ponimi come sigillo sul tuo cuore”.