Ranieri «Neri» Capponi (1925-2018)

In memoriam
Alleanza Cattolica 1 anno fa
Prima pagina  /  Cristianità  /  Ranieri «Neri» Capponi (1925-2018)

Cristianità n. 395 (2019)

 

Ranieri «Neri» Capponi (1925-2018)

 

Il 13 dicembre 2018, giorno di Santa Lucia, è morto a Firenze il conte Ranieri «Neri» Capponi, patrizio fiorentino, capo di Guardia «nobile» della Venerabile Arciconfraternita della Misericordia, giudice del Tribunale Ecclesiastico a Firenze e docente di Diritto Canonico presso l’ateneo fiorentino, dopo essere stato assistente dello storico del diritto, e futuro presidente della Corte Costituzionale, Paolo Grossi. 

Nato a Firenze il 5 settembre 1925, il conte Capponi aveva frequentato, nei primi anni 1960, il gruppo di intellettuali cattolici che si riuniva a Firenze intorno ad Attilio Mordini (1923-1966) nei locali della Confraternita di San Tommaso, in via della Pergola; di questo gruppo avevano fatto parte, fra gli altri, il giovane Franco Cardini, futuro storico medievalista, e Giovanni Cantoni, fondatore di Alleanza Cattolica. 

Strenuo difensore della liturgia e del canto gregoriano, dal 1979 al 1988 è stato presidente nazionale di Una Voce Italia. Associazione per la salvaguardia della liturgia latino-gregoriana, fondata nel 1967. In seguito, la Federazione Internazionale Una Voce (FIUV), a testimonianza del suo impegno, gli ha conferito il titolo di presidente onorario.

Attraverso Cantoni il conte Capponi ha conosciuto Alleanza Cattolica e ha partecipato spesso ai ritiri regionali delle croci toscane, a volte in compagnia del figlio Niccolò. Ha collaborato anche a Cristianità quando, in occasione del referendum sulla legge del divorzio, venne richiesta la sua competenza in materia di diritto canonico matrimoniale, con un articolo su Costume divorzista e nullità matrimoniale (Cristianità, anno II, n. 4, marzo-aprile 1974, pp. 8-9).

 

Categorie:
  Cristianità, In memoriam
Autore

 Alleanza Cattolica

  (2701 Articoli)

Alleanza Cattolica è un’associazione di laici cattolici che si propone lo studio e la diffusione della dottrina sociale della Chiesa. Il motto dell’associazione è “Ad maiorem Dei gloriam et socialem”, “Per la maggior gloria di Dio anche sociale”. Lo stemma di Alleanza Cattolica è costituito da un’aquila nera con un cuore rosso sormontato dalla croce. L’aquila è l’animale simbolico dell’apostolo san Giovanni e testimonia la volontà di essere figli di Maria, come l’Apostolo prediletto che ha riposato sul Cuore di Gesù. Circa il cuore, dice Pio XII che “è […] nostro vivissimo desiderio che quanti si gloriano del nome di cristiani e intrepidamente combattono per stabilire il regno di Cristo nel mondo, stimino l’omaggio di devozione al Cuore di Gesù come vessillo di unità, di salvezza e di pace”. Circa la croce sul cuore, cfr. il Cantico dei Cantici (8, 6): “ponimi come sigillo sul tuo cuore”.