Un tentativo di «criminalizzare» la lotta dei cristiani libanesi

Comunicato stampa del Comitato per la Libertà dei Cristiani Libanesi
Alleanza Cattolica 39 anni fa
Prima pagina  /  Cristianità  /  Un tentativo di «criminalizzare» la lotta dei cristiani libanesi

Cristianità n. 77 (1981)

 

Un tentativo di «criminalizzare» la lotta dei cristiani libanesi

 

Nei mesi di giugno e di luglio gli strumenti di comunicazione sociale hanno riferito che, nel corso delle indagini per scoprire esecutori e mandanti della strage di Bologna, e battendo la cosiddetta «pista libanese», i magistrati inquirenti avevano interrogato e quindi trattenuto, il 18 giugno, per falsa testimonianza e per favoreggiamento il dr. Camille Tawil, rappresentante in Europa delle Forze Libanesi Unificate.

L’episodio ha dato la stura a una pesante operazione propagandistica, una vera e propria aggressione, tesa a «criminalizzare» la lotta dei cattolici maroniti e della loro rappresentanza politico-militare di autodifesa.

Bisogna, di contro, denunciare come l’avvenuta scarcerazione dell’esponente libanese, il 27 luglio, – con riconoscimento della sua completa estraneità ai fatti quanto al favoreggiamento, e per decadenza dei termini quanto alla falsa testimonianza – non sia stata segnalata con uguale rilievo. È mancata, cioè, una adeguata riabilitazione del dr. Tawil presso la opinione pubblica nazionale, così come non è stata data notizia della impugnazione del provvedimento sia da parte dei suoi difensori che da parte del Procuratore della Repubblica di Bologna, che chiede venga completamente scagionato per assenza di prove.

L’episodio costituisce motivo di riflessione per tutti – e in particolare per gli operatori dei mezzi di comunicazione sociale cattolici – circa il dovere di aiutare i cristiani maroniti con la preghiera e con il sostegno propagandistico – e quindi, anzitutto, con una corretta informazione a loro riguardo -, nella lotta lunga e difficile che conducono per la libertà e la indipendenza del loro paese.

Milano, 1º agosto 1981

 

Categorie:
  Cristianità, Dichiarazioni e documenti
Autore

 Alleanza Cattolica

  (2698 Articoli)

Alleanza Cattolica è un’associazione di laici cattolici che si propone lo studio e la diffusione della dottrina sociale della Chiesa. Il motto dell’associazione è “Ad maiorem Dei gloriam et socialem”, “Per la maggior gloria di Dio anche sociale”. Lo stemma di Alleanza Cattolica è costituito da un’aquila nera con un cuore rosso sormontato dalla croce. L’aquila è l’animale simbolico dell’apostolo san Giovanni e testimonia la volontà di essere figli di Maria, come l’Apostolo prediletto che ha riposato sul Cuore di Gesù. Circa il cuore, dice Pio XII che “è […] nostro vivissimo desiderio che quanti si gloriano del nome di cristiani e intrepidamente combattono per stabilire il regno di Cristo nel mondo, stimino l’omaggio di devozione al Cuore di Gesù come vessillo di unità, di salvezza e di pace”. Circa la croce sul cuore, cfr. il Cantico dei Cantici (8, 6): “ponimi come sigillo sul tuo cuore”.