Zef Margjnaji

Alleanza Cattolica 28 anni fa
Prima pagina  /  Cristianità  /  Zef Margjnaji

Cristianità n. 203 (1992)

Il 10 febbraio 1992, in seguito a un incidente stradale avvenuto a Gradisca d’Isonzo, nei pressi di Gorizia, sono deceduti Petrit Llaftiu, deputato del Partito Democratico Albanese, il maggior partito d’opposizione del paese balcanico, e Zef Margjinaj, segretario di Albanians for Human Rights, un movimento della Resistenza anticomunista che ha operato all’estero durante i lunghi anni del regime comunista albanese.

 

Zef Margjinaj nasce a Bozhiq-Selita, in Mirdizia, nell’Albania Settentrionale, il 19 marzo 1921, e nel 1939, in seguito all’annessione del paese al Regno d’Italia, si arruola nell’Arma dei Carabinieri e vi presta servizio fino all’8 settembre 1943.

Quindi è volontario nell’Esercito della Difesa Nazionale Albanese, e vi rimane fino all’instaurazione del regime comunista, avvenuta il 29 novembre 1944: allora raggiunge i reparti anticomunisti che si battono sulle montagne della sua regione d’origine.

Eletto segretario del Consiglio Superiore del Comitato di Liberazione Anticomunista albanese, continua a combattere fino al 1952, quindi passa prima in Grecia e poi a Malta, dove partecipa a un corso di addestramento organizzato dai governi inglese e americano in vista di una missione destabilizzatrice in Albania: è la missione tradita da Harold “Kim” Philby — una spia al servizio dell’Unione Sovietica — e definitivamente accantonata dagli Stati promotori dopo l’inizio della guerra per il canale di Suez (cfr. Oscar Sanguinetti, Albania 1949-1953: la liberazione sabotata, in Cristianità, anno XIV, n. 133, maggio 1986).

Nel luglio del 1955, a Londra, sposa Velia Onesti, una cittadina italiana residente nella capitale inglese per motivi di lavoro. Dopo innumerevoli peripezie, che lo portano a lavorare in diversi paesi europei, riesce finalmente a sistemarsi in provincia di Udine, a Cividale del Friuli, nella terra originaria della moglie, ottenendo anche, non senza difficoltà, la cittadinanza italiana.

Nel 1983 racconta le sue avventurose e drammatiche memorie in Marcia di un albanese verso la libertà. Autobiografia (La Nuova Base, Udine; cfr. l’intervista Testimonianza sull’Albania, del febbraio del 1986, a cura di Marco Invernizzi, in Cristianità, anno XIV, n. 133, maggio 1986) e nel 1990, in collaborazione con Gianpaolo Sabbatini, scrive Piccolo compendio della grande storia dell’Albania (Krinon, Caltanissetta; cfr. recensione di O. Sanguinetti, in Cristianità, anno XVIII, n. 187-188, novembre-dicembre1990).

Negli anni Ottanta conosce Alleanza Cattolica e la CIRPO-Italia, la Conferenza Internazionale delle Resistenze nei Paesi Occupati, con le quali collabora sempre con serietà e con entusiasmo, soprattutto tenendo conferenze che lo portano in molte città italiane a offrire la propria testimonianza sulla drammatica condizione del popolo albanese.

 

Nel 1991 corona il sogno di ritornare nella sua patria in via di liberazione, e immediatamente comincia una nuova battaglia, quella per fare fronte alla grande miseria materiale che attanaglia l’Albania dopo quarantacinque anni di regime comunista. Proprio mentre si sta recando a Trieste per caricare di viveri e di medicinali alcuni autocarri destinati al suo paese nativo, incontra la morte nel corso di un tragico incidente stradale. Cade quindi su questo nuovo fronte che le mutate condizioni hanno aperto e su cui ha subito preso posizione, lasciando una splendida testimonianza di dedizione nella lotta per la libertà e di grande fede cattolica.

Categorie:
  Cristianità, In memoriam
Autore

 Alleanza Cattolica

  (2701 Articoli)

Alleanza Cattolica è un’associazione di laici cattolici che si propone lo studio e la diffusione della dottrina sociale della Chiesa. Il motto dell’associazione è “Ad maiorem Dei gloriam et socialem”, “Per la maggior gloria di Dio anche sociale”. Lo stemma di Alleanza Cattolica è costituito da un’aquila nera con un cuore rosso sormontato dalla croce. L’aquila è l’animale simbolico dell’apostolo san Giovanni e testimonia la volontà di essere figli di Maria, come l’Apostolo prediletto che ha riposato sul Cuore di Gesù. Circa il cuore, dice Pio XII che “è […] nostro vivissimo desiderio che quanti si gloriano del nome di cristiani e intrepidamente combattono per stabilire il regno di Cristo nel mondo, stimino l’omaggio di devozione al Cuore di Gesù come vessillo di unità, di salvezza e di pace”. Circa la croce sul cuore, cfr. il Cantico dei Cantici (8, 6): “ponimi come sigillo sul tuo cuore”.