Alleanza Cattolica ringrazia il popolo polacco nel ricordo di tante comuni battaglie

Un’amicizia antica si rinsalda, e, nel segno di Jan Sobieski e di «Giovanni Paolo Magno», con l’aiuto della Madonna, sconfiggeremo anche questo nuovo male oscuro
Alleanza Cattolica 3 mesi fa
Prima pagina  /  Comunicati  /  Alleanza Cattolica ringrazia il popolo polacco nel ricordo di tante comuni battaglie

Dopo l’arrivo di trenta tra medici e infermieri dall’Albania, il 30 marzo sono giunti all’aeroporto di Bergamo 15 medici polacchi per aiutare i colleghi italiani nella lotta con il Covid 19.

Si tratta di specialisti in terapia intensiva e rianimatori, tre squadre di medicina di emergenza che presteranno la propria opera agli Spedali Civili di Brescia: una missione civile-militare allestita dall’Istituto Militare di Medicina e del Centro Polacco per l’Aiuto internazionale, ente registrato all’Organizzazione Mondiale della sanità, che ha grande esperienza in missioni di questo tipo. «La Polonia rimane al fianco dell’Italia anche in questa battaglia, come è sempre stato nella storia», afferma l’Ambasciata polacca in Italia.

Come non ricordare, in queste battaglie, la figura di Jan Sobieski (1629-1696), che fu re di Polonia con il nome di Giovanni III, e che per la difesa della Cristianità contro l’impero ottomano fu soprannominato dai Turchi «Leone di Lehistan», da Lechia, il nome leggendario della Polonia? Il suo intervento tempestivo sotto le mura di Vienna, assediata dagli ottomani nel 1683, in supporto della Lega Santa (l’antica “alleanza fra trono e altare” della Cattolicità) ne consentì la vittoria, interrompendo così la direttiva strategica turca che puntavano al Baltico onde spezzare in due l’Europa e continuando fino alla riconquista dell’Ungheria al Sacro Romano Impero.

Né si può tralasciare Papa san Giovanni Paolo II (1920-2005), «Giovanni Paolo Magno», che, come un “novello Sobiesky” ‒ così profetizzò don Dolindo Ruotolo (1882-1970) ‒, contribuì alla sconfitta del comunismo in Europa e alla caduta del Muro di Berlino.

Il nobile gesto della nobile nazione polacca in aiuto dell’Italia nel cuore della pandemia rinsalda dunque un’amicizia antica, fondata sul comune sentire cristiano, elemento principale, benché purtroppo ora negletto, dell’unità europea.

In questa ora difficile, nella quale il mondo intero, in particolare l’Italia, sta combattendo contro un nemico infido, un virus che a tratti può sembrare indomabile, vada il profondo ringraziamento di Alleanza Cattolica alla Polonia, certi che, come l’impero ottomano, prima, e il comunismo, dopo, anche questo nemico sarà sconfitto, nell’attesa della realizzazione della promessa della Madonna a Fàtima: «Infine il mio Cuore Immacolato trionferà!».

Venerdì, 3 aprile 2020

Categorie:
  Comunicati, In evidenza
Autore

 Alleanza Cattolica

  (2701 Articoli)

Alleanza Cattolica è un’associazione di laici cattolici che si propone lo studio e la diffusione della dottrina sociale della Chiesa. Il motto dell’associazione è “Ad maiorem Dei gloriam et socialem”, “Per la maggior gloria di Dio anche sociale”. Lo stemma di Alleanza Cattolica è costituito da un’aquila nera con un cuore rosso sormontato dalla croce. L’aquila è l’animale simbolico dell’apostolo san Giovanni e testimonia la volontà di essere figli di Maria, come l’Apostolo prediletto che ha riposato sul Cuore di Gesù. Circa il cuore, dice Pio XII che “è […] nostro vivissimo desiderio che quanti si gloriano del nome di cristiani e intrepidamente combattono per stabilire il regno di Cristo nel mondo, stimino l’omaggio di devozione al Cuore di Gesù come vessillo di unità, di salvezza e di pace”. Circa la croce sul cuore, cfr. il Cantico dei Cantici (8, 6): “ponimi come sigillo sul tuo cuore”.