Lettera ai partecipanti degli incontri per Giovani, in occasione della Santa Pasqua

Alleanza Cattolica 3 mesi fa
Prima pagina  /  In evidenza  /  Lettera ai partecipanti degli incontri per Giovani, in occasione della Santa Pasqua

Santa Pasqua 2020

“Per ogni cosa c’è il suo momento, il suo tempo per ogni faccenda sotto il cielo

C’è un tempo per nascere e un tempo per morire,

un tempo per piantare e un tempo per sradicare le piante.

Un tempo per uccidere e un tempo per guarire,

un tempo per demolire e un tempo per costruire.

Un tempo per piangere e un tempo per ridere,

un tempo per gemere e un tempo per ballare.

Un tempo per gettare sassi e un tempo per raccoglierli,

un tempo per abbracciare e un tempo per astenersi dagli abbracci.

Un tempo per cercare e un tempo per perdere,

un tempo per serbare e un tempo per buttar via.

Un tempo per stracciare e un tempo per cucire,

un tempo per tacere e un tempo per parlare.

Un tempo per amare e un tempo per odiare,

un tempo per la guerra e un tempo per la pace.”

(Qoelet, 3, 1-11)


Cari amici,

siamo agli inizi del nostro incontro pasquale. Non fisico, ma concreto e reale più che mai.

Nella situazione particolare alla quale siamo sottoposti durante questa Quaresima in quarantena, si aggiunge un’altra stranezza: non poter trascorrere la Settimana Santa con voi!

A tutti voi, che in questi anni avete partecipato agli incontri organizzati da Alleanza Cattolica, va il sincero dispiacere di noi membri dello staff di non poter trascorrere insieme questi giorni che ci separano dalla Pasqua.

Il nostro pensiero va agli amici di vecchia e nuova data, va alle serate di gioia e divertimento, alle nottate di Adorazione, alla stanchezza e alla gioia di ogni incontro. È importante che quella piccola società “a misura d’uomo e secondo il piano di Dio” che riusciamo a ricreare durante le nostre attività, quella società fatta di cura e condivisione del proprio quotidiano e della propria esperienza come occasione di crescita nella fede e nella vita, resti viva anche a distanza.

Innanzitutto, speriamo che stiate tutti bene: preghiamo sempre per voi e per le vostre famiglie e lo facciamo con particolare attenzione in questi giorni. Speriamo che voi facciate lo stesso per noi. Affidiamoci a vicenda al Signore che muore e risorge.

L’incontro che l’associazione organizza abitualmente non si terrà, ma bisogna cogliere ciò che di positivo questa situazione ci può offrire: invitiamo tutti voi a non lasciar scorrere il Triduo pasquale, ma a viverlo più intensamente proprio perché avrete meno persone intorno. Potrete scegliere a quali celebrazioni – in streaming – partecipare, ma partecipate! vivete questo momento, vivetelo bene perché è il momento più importante di tutto l’anno. Questo è il modo per sentirci vicini a vicenda: sappiamo che stiamo partecipando insieme, in comunione spirituale, anche se a distanza, agli eventi della passione, morte e resurrezione di Gesù.

L’assenza dell’incontro ci fa riflettere in primo luogo sull’importanza di ciò che ci manca, sull’importanza dell’amicizia, del sentirsi vicini, della festa come siamo abituati a viverla. In secondo luogo, ci accorgiamo di quanto poco abbiamo dato peso in passato a ciò che ora siamo obbligati a mettere al centro: la famiglia, i nostri genitori, le persone più deboli intorno a noi, il vivere bene il tempo e non lasciarlo scorrere invano.

Ci è stata data occasione in questa Quaresima per fare il punto delle nostre vite, capire dove siamo e sopratutto dove vogliamo andare. Vi invitiamo davvero fare tesoro di questa pausa forzata e a cogliere tutto ciò che ci può dare, consci che il più delle volte per non arretrare occorre fare un passo in avanti. Più vivremo intensamente questo periodo, più avremo arricchito noi stessi e più riusciremo a donare al nostro prossimo quando finalmente ci potremo ritrovare.

Ora è il tempo di fermarsi, “di sradicare […] di demolire [..] di gemere”; consapevoli che a volte perdere è l’inizio di una crescita. Questa è certamente una prova e nessuna fatica, piccola o grande che sia, può essere affrontata senza l’assistenza di Dio. Dove è più faticosa la prova, è anche sovrabbondante la Grazia.

Buon Triduo e Buona Pasqua a tutti!

“Avrei tanto desiderato che tutto ciò non fosse accaduto ai miei giorni!”, esclamò Frodo.

“Anch’io”, annuì Gandalf, “come d’altronde tutti coloro che vivono questi avvenimenti. Ma non tocca a noi scegliere. Tutto ciò che possiamo decidere è come disporre del tempo che ci è dato.”

Staff organizzativo incontri di Pasqua e Capodanno

Venerdì, 10 aprile 2020

Categorie:
  In evidenza, Riflessioni
Autore

 Alleanza Cattolica

  (2698 Articoli)

Alleanza Cattolica è un’associazione di laici cattolici che si propone lo studio e la diffusione della dottrina sociale della Chiesa. Il motto dell’associazione è “Ad maiorem Dei gloriam et socialem”, “Per la maggior gloria di Dio anche sociale”. Lo stemma di Alleanza Cattolica è costituito da un’aquila nera con un cuore rosso sormontato dalla croce. L’aquila è l’animale simbolico dell’apostolo san Giovanni e testimonia la volontà di essere figli di Maria, come l’Apostolo prediletto che ha riposato sul Cuore di Gesù. Circa il cuore, dice Pio XII che “è […] nostro vivissimo desiderio che quanti si gloriano del nome di cristiani e intrepidamente combattono per stabilire il regno di Cristo nel mondo, stimino l’omaggio di devozione al Cuore di Gesù come vessillo di unità, di salvezza e di pace”. Circa la croce sul cuore, cfr. il Cantico dei Cantici (8, 6): “ponimi come sigillo sul tuo cuore”.