Sì all’Europa. No a «questa» Unione Europea

Manifesto di Alleanza Cattolica
Alleanza Cattolica 1 anno fa
Prima pagina  /  Cristianità  /  Sì all’Europa. No a «questa» Unione Europea

Cristianità n. 396 (2019)

 

Sì all’Europa. No a «questa» Unione Europea

Manifesto di Alleanza Cattolica

 

Il 26 maggio si svolgeranno le elezioni per il rinnovo del Parlamento europeo. Di fronte alla prospettiva promossa dalla grande maggioranza dei media, secondo i quali la partita elettorale si giocherà fra chi vuole l’Europa e chi invece la vuole affossare in nome del nazionalismo, ci permettiamo di ricordare alcuni punti essenziali.

Che cosa significa «Europa»?

Europa non è un’idea astratta e confusa, ma una realtà che ha preso corpo nella storia, suscitata dal pensiero dei grandi filosofi greci e dalla centralità della persona insegnata da Cristo e diffusa nel continente europeo dai grandi missionari che l’han­no costruito, come san Colombano (540 ca.-615), san Benedetto (480 ca.-547), Severino Boezio (480 ca.-524) e Aurelio Cassiodoro (485 ca.-580 ca.), così come dalle innume­revoli famiglie che hanno trasmesso la fede e costruito una civiltà. In questo contesto si sono avute le scoperte scientifiche e tecniche che hanno permesso il grande progresso materiale dell’Europa esportato in tutto il mondo.

Questa idea di Europa è stata aggredita nel secolo XVIII dalle ideologie, dopo che le guerre di religione nel secolo precedente la avevano ferita e profondamente indebolita. Il secolarismo e il nazionalismo del secolo XIX l’hanno poi portata alla tragedia della «guerra civile europea» (1914-1945), dalla Grande Guerra al secondo conflitto mondiale.

Dopo la sconfitta del nazionalsocialismo l’Europa ha conosciuto un timido tentativo di rinascita grazie a tre statisti cattolici, Konrad Adenauer (1876-1967), Alcide De Gasperi (1881-1954) e Robert Schuman (1886-1963), che hanno cercato di scongiurare nuove guerre cercando fra le nazioni europee un accordo che iniziasse «dal basso», a partire dalla costruzione della CECA, la Comunità Europea del Carbone e dell’Ac­ciaio (1951). Nel frattempo l’Europa pativa la divisione della Cortina di Ferro (1946) e del Muro di Berlino (1961), provocata dall’ideologia socialcomunista che aveva conquistato il potere in molti Paesi dell’Europa orientale, dopo la Rivoluzione russa del 1917.

Caduto il Muro di Berlino (1989) e venuto meno il pericolo sovietico (1991), l’Europa avrebbe potuto riprendere a respirare con «i due polmoni», occidentale e orientale, come si esprimerà san Giovanni Paolo II (1978-2005) nel suo grande magistero sull’Europa, ma così non è stato.

Il processo di unificazione europea ha preso una strada diversa e ha continuato nell’opera di occultamento delle proprie radici: lo spirito tecnocratico — figlio anch’esso delle grandi ideologie che hanno rovinato l’u­­nità europea — è salito sul trono sotto forma di una fredda e anonima burocrazia onnipervasiva.

Con i Trattati di Maastricht (1992), Amsterdam (1997), Nizza (2001) e infine Lisbona (2007), il processo di unificazione europea ha quindi confermato la scelta di una strada diversa e contraria alle sue radici. Come ha detto Papa Francesco, «un’Unione Europea che, nell’affrontare le sue crisi, non riscoprisse il senso di essere un’unica comunità che si sostiene e si aiuta — e non un insieme di piccoli gruppi d’interesse — perderebbe non solo una delle sfide più importanti della sua storia, ma anche una delle più grandi opportunità per il suo avvenire» (1).

Il 26 maggio sarà importante recarsi a votare, preferendo quelle forze politiche che si assumano l’impegno di riconoscere le radici cristiane del­l’Europa, e perché si costruisca una Unione su basi rispettose delle identità dei popoli che la compongono. Il voto andrà così indirizzato a coloro per i quali è essenziale tutelare la vita e porre la famiglia al cuore del sistema sociale, aiutare i più indifesi e deboli, e rifiutare la «colonizzazione ideologica» che nega il valore e la bellezza della differenza sessuale.

Votare è importante ma non basta. Per tanti anni abbiamo assistito in occasione di ogni turno elettorale a promesse e speranze che non si sono volute o potute mantenere, mentre nel frattempo la «casa Europa» continuava a bruciare. Per spegnere il fuoco che la sta consumando bisogna formare diversamente l’uomo europeo, compito di tutti coloro che amano le radici da cui provengono e desiderano che queste possano far rifiorire una nuova civiltà.

Il passato non è un bel ricordo, ma una radice che può germogliare di nuovo anche dopo un rigido inverno.

Roma, 26 febbraio 2019

Alleanza Cattolica

 

Nota:

(1) Francesco, Discorso ai partecipanti alla Conferenza «(Re)thinking Europe», organizzata a Roma dalla Commissione delle Conferenze Episcopali dell’Unione europea (COMECE) in collaborazione con la Segreteria di Stato, del 28-10-2017.

 

Categorie:
  Cristianità, Dichiarazioni e documenti
Autore

 Alleanza Cattolica

  (2695 Articoli)

Alleanza Cattolica è un’associazione di laici cattolici che si propone lo studio e la diffusione della dottrina sociale della Chiesa. Il motto dell’associazione è “Ad maiorem Dei gloriam et socialem”, “Per la maggior gloria di Dio anche sociale”. Lo stemma di Alleanza Cattolica è costituito da un’aquila nera con un cuore rosso sormontato dalla croce. L’aquila è l’animale simbolico dell’apostolo san Giovanni e testimonia la volontà di essere figli di Maria, come l’Apostolo prediletto che ha riposato sul Cuore di Gesù. Circa il cuore, dice Pio XII che “è […] nostro vivissimo desiderio che quanti si gloriano del nome di cristiani e intrepidamente combattono per stabilire il regno di Cristo nel mondo, stimino l’omaggio di devozione al Cuore di Gesù come vessillo di unità, di salvezza e di pace”. Circa la croce sul cuore, cfr. il Cantico dei Cantici (8, 6): “ponimi come sigillo sul tuo cuore”.