Edmund Burke (1729-1797)

Alleanza Cattolica 6 anni fa
Prima pagina  /  Dizionario del Pensiero Forte  /  B  /  Edmund Burke (1729-1797)

di Marco Respinti

 

1. La vita e le opere

Edmund Burke nasce a Dublino, in Irlanda, il 12 gennaio 1729 da padre anglicano e da madre cattolica: con il fratello Richard viene educato da anglicano perché possa, in futuro, intraprendere la carriera pubblica; la sorella, invece – com’era costume nell’Irlanda del tempo -, riceve un’educazione cattolica. Ma l’ambiente cattolico in cui de facto vive, gli studi coltivati e la stessa appartenenza etnica contribuiscono a creare in lui quello che è stato definito “stampo di pensiero cattolico”. Dal 1743 al 1748 studia arti liberali al Trinity College di Dublino formandosi su autori classici greci e latini: Cicerone (106-43 a. C.) e Aristotele (384-322 a. C.) esercitano sul futuro parlamentare un’influenza profonda come maestri, rispettivamente, di retorica e di pensiero – lo stesso Burke verrà poi considerato uno dei massimi prosatori di lingua inglese – e di filosofia politica. Nel 1750, a Londra, studia diritto al Middle Temple: presto però, stanco del pragmatismo materialista e della metodologia meccanicista di cui è impregnato l’insegnamento, contrariando il padre, l’abbandona e si dà alla carriera letteraria.

Ma, con il tempo, il futuro statista acquisisce comunque una seria conoscenza del diritto europeo continentale e di quello britannico, dalla romanistica al Common Law. Estimatore e conoscitore del diritto naturale antico e moderno, approfondisce il pensiero di Cicerone e degli stoici latini, e, fra i moderni, quello di Richard Hooker (1553-1600), che considera come la massima fonte del diritto canonico dell’epoca della Riforma protestante. Questi, pastore anglicano autore di The Laws of Ecclesiastical Polity, detto “il Tommaso d’Aquino della Chiesa anglicana”, continua, in parte e a certe condizioni, la tradizione filosofica scolastica nell’Inghilterra dopo lo scisma della prima metà del secolo XVI. Altra fonte importante della formazione e poi del pensiero burkiani è la catena dei grandi giuristi britannici, da sir Edward Coke (1552-1634) a sir William Blackstone (1732-1780) – autore dei Commentaries on the Law of England -, passando per i giurisperiti moderati, favorevoli all’incruenta “Gloriosa Rivoluzione” inglese del 1688. Peter J. Stanlis – uno dei massimi studiosi statunitensi viventi del pensiero burkiano – scrive: “È importante notare che la sua erudizione giuridica, comprendente le tradizioni del diritto naturale, del diritto delle genti, del Common Law inglese, del diritto penale e dei precedenti consuetudinari nel diritto positivo, ne imbevvero e ne informarono la filosofia politica, il senso dell’Europa come grande commonwealth di nazioni con un’eredità morale e giuridica comune e la fiducia nel cammino della tradizione lungo la storia”.

Nel maggio del 1756 l’anglo-irlandese pubblica il primo scritto, anonimo: A Vindication of Natural Society, un pamphlet che deride la filosofia libertina e deista allora in voga. Il 12 marzo 1757 sposa Jane Nugent. Nell’aprile dello stesso anno dà alle stampe A Philosophical Inquiry into the Origin of Our Ideas of the Sublime and Beautiful. In quest’opera dedicata all’estetica, indaga le fondamenta psicologiche dell’arte e ricusa l’idea di esse come semplice prodotto di rigide regole teoretiche, anticipando aspetti importanti del pensiero filosofico della maturità. Nei mesi precedenti era apparso anche l’anonimo An Account of the European Settlements in America, testo forse redatto da Will Burke – un parente di Edmund -, nel quale sono stati individuati numerosi apporti del pensatore anglo-irlandese. L’opera ottiene un buon successo e contribuisce a incrementare l’attenzione britannica sull’America. In essa, l’anonimo autore simpatizza con l’idea di libertà politica espressa dalle Colonie britanniche, mettendo in guardia i propri compatrioti circa la pericolosità di certe misure commerciali troppo restrittive.

Il 9 febbraio 1758 Jane Burke dà alla luce il figlio Richard, che morirà nel 1794. Nel medesimo anno, Burke comincia a dirigere l’Annual Register, una corposa rassegna che, dal 1759, si occupa di storia, di politica e di letteratura, prima solo britanniche, poi anche europee continentali, e che egli dirige, anche collaborando, fino al 1765. Fra il 1758 e il 1759 scrive Essay towards an Abridgment of the English History – interrotto a re Giovanni Plantageneto, detto Senzaterra (1167-1216) -, un’opera pubblicata postuma nel 1811. In questo stesso periodo Burke inizia a frequentare Samuel Johnson (1709-1784), l’eminente letterato tory, cioè del “partito del re”: nonostante la diversità delle loro opinioni politiche, fra i due intercorreranno profonde stima e amicizia.

Nel 1759 diviene segretario privato e assistente politico di William Gerard Hamilton (1729-1796), un suo coetaneo già attivo in Parlamento. La redazione dei Tracts Relative to the Laws against Popery in Ireland – scritti frammentari pubblicati postumi nel 1797 – risale all’autunno del 1761, durante un soggiorno irlandese. Dopo la separazione da Hamilton, il pensatore anglo-irlandese si lega a Charles Watson-Wentworth, secondo marchese di Rockingham (1730-1782), divenendone presto segretario. Questi, il 10 luglio 1765, viene nominato primo ministro da re Giorgio III di Hannover (1738-1820) benché il sovrano sia assai riluttante ad affidare l’incarico a un whig, cioè del “partito del Parlamento”. Eletto nel medesimo anno alla Camera dei Comuni, Burke vi diviene presto la guida intellettuale e il portavoce della “corrente Rockingham” del partito whig, la quale, peraltro, ha solo brevi successi politici fra il 1765 e il 1766 e di nuovo, per pochi mesi, nel 1782.

Burke siede dunque nei banchi dell’opposizione per la maggior parte della propria carriera politica ed è durante questa seconda fase della sua esistenza che lo statista-pensatore pubblica le opere più note, fra cui Thoughts on the Causes of the Present Discontents nel 1770, Speech on the Conciliation with the Colonies nel 1775, Reflections on the Revolution in France nel 1790, Thoughts on the French Affairs e Appeal from the New to the Old Whigs nel 1791, nonché le Letters on a Regicide Peace, concluse nel 1796.

Il 9 luglio 1797 Burke muore nella sua casa di campagna di Beaconsfield, in Inghilterra.

 

2. Il pensiero politico-filosofico

Gran parte dell’attività pubblica burkiana è impegnata a difendere da un lato la Chiesa anglicana dagli attacchi dei “liberi pensatori” e dei riformisti protestanti radicali, dall’altro i cattolici e i dissenzienti protestanti, lesi nei propri diritti dalla politica assolutistica del governo londinese. Ratio di quest’azione politica non è un concetto “latitudinario” di libertà religiosa, ma una visione d’insieme della natura umana e dei rapporti fra lo Stato, i corpi sociali intermedi e i singoli individui minacciati dall’assolutismo moderno. Obiettivo di Burke è garantire uguali diritti a tutti i sudditi britannici, ovunque si trovino e qualunque fede religiosa professino: diritti concreti, acquisiti storicamente in virtù della secolare tradizione costituzionale e consuetudinaria britannica – i “benefici” -, e – a partire dal 1789 francese non a caso in aspra polemica, fra l’altro, con le “libertà inglesi” – contrapposti alle astrazioni illuministico-razionalistiche della Loi e del “diritto nuovo”.

Lo statista diviene e rimane celebre per quattro “battaglie parlamentari”. La prima, a tutela dei diritti costituzionali tradizionali dei coloni britannici in America, si oppone alla tassazione arbitraria, imposta dal governo londinese, e difende l’autentico significato della Costituzione “non scritta” britannica. Con lungimiranza, Burke si accorge della miccia che tale politica va innescando nella polveriera nordamericana e fa di tutto per allontanare lo spettro della perdita delle Colonie. Mai favorevole all’indipendenza che queste dichiarano nel 1776, una volta scoppiato il conflitto armato fra esse e la Corona britannica, egli giudica gli eventi come una “guerra civile” interna all’Impero – non una rivoluzione -, presto sanabile.

La seconda battaglia parlamentare è quella condotta contro l’amministrazione pubblica, che impedisce questa volta ai sudditi irlandesi di fruire dei diritti costituzionali britannici, anche se in tema di libertà religiosa Burke non riesce ad avere altrettanto parziale successo in difesa dei compatrioti cattolici.

In terzo luogo, lo statista chiede la messa in stato d’accusa di Warren Hastings (1732-1818), governatore generale dell’India britannica, per il suo malgoverno, ma non è ascoltato. La sua azione decisa comporta comunque qualche moderato successo e, soprattutto, è di monito – poco ascoltato – per il futuro. L’impero dove mai tramontava il sole crollerà infatti più per l’ottusità di certi suoi governanti che non per altre ragioni.

L’ultima tenzone parlamentare burkiana ha a tema la Rivoluzione francese. Nelle Reflections on the Revolution in France – una delle opere più commentate e influenti della storia inglese moderna, pubblicata poco dopo la “presa della Bastiglia”, il 14 luglio 1789 -, l’uomo politico anglo-irlandese intuisce, analizzando le premesse filosofiche che aveva visto dipanarsi lungo i decenni precedenti, l’intero corso degli eventi rivoluzionari, dal regicidio alla dittatura militare napoleonica, stigmatizzandone la natura. Per lui, la Rivoluzione costituisce l’avvento della barbarie e della sovversione di ogni legge morale e di ogni consuetudine civile e politica.

Sull’interpretazione di tale evento, del resto, lo stesso partito whig si spacca, insanabilmente diviso fra i new whig liberali di Charles James Fox (1749-1806) e gli old whig guidati appunto da Burke, i quali finiscono per stringersi in lega politica con i tory di William Pitt il Giovane (1759-1806). Proprio alla difesa burkiana del “commonwealth cristiano d’Europa”, a cui la Francia giacobina e atea si è sottratta e contro il quale essa combatte accanitamente – Burke afferma che, negli anni della Rivoluzione, la Francia autentica risiede all’estero -, si deve quell’appoggio parziale che, in alcuni momenti, il governo britannico fornisce alla causa contro-rivoluzionaria francese.

Il lume della filosofia politica burkiana è, infatti, la difesa dell’ethos classico-cristiano, fondamento della normatività che il pensatore ravvisa nelle consuetudini giuridiche e culturali del suo paese, parte della “società delle nazioni” cristiane europee. Il rapporto burkiano fra diritto naturale morale e istituzioni civili vede queste ultime come tentativo storico di incarnare il primo, secondo una logica che unisce morale personale e morale sociale. La “filosofia del pregiudizio” – ossia della tradizione e della consuetudine storica – è la grande arma del common sense britannico burkiano.

Secondo Russell Kirk (1918-1994) – uno dei “padri” della rinascita burkiana statunitense contemporanea -, il pensatore anglo-irlandese appartiene al “partito dell’ordine”: egli, infatti, è figura rappresentativa di quel legittimismo patriottico britannico accorto, che unisce fedeltà e critica costruttiva, e che si riassume nell’espressione conservatrice “opposizione di Sua Maestà”, antitetica a quella rivoluzionaria di “opposizione a Sua Maestà”.

L’influenza di Burke si esercita su pensatori importanti come Joseph de Maistre (1753-1821) e su numerosi autori di area culturale anglosassone, francese e tedesca; ma, soprattutto, dà origine a quello che, nel mondo di lingua inglese, prende il nome tecnico di “pensiero conservatore”, inteso come opposizione consapevole al mondo nato con il 1789 francese e con la filosofia rivoluzionaria che lo ha ispirato e mosso.

Burke, certo del prossimo successo dei giacobini anche in terra inglese, vuole che la località della propria inumazione sia tenuta segreta, per paura che i nemici possano un giorno giungere a dissacrare il luogo del riposo delle spoglie mortali del loro primo e radicale avversario.


Per approfondire: la critica più seria ed esaustiva sulla figura di Edmund Burke è pressoché esclusivamente in lingua inglese; in italiano vedi Scritti politici, a cura di Anna Martelloni, UTET, Torino 1963; Riflessioni sulla Rivoluzione Francese, con una prefazione di Domenico Fisichella, Ciarrapico, Roma 1984; Inchiesta sul Bello e sul Sublime, a cura di Giuseppe Sertoli e Goffredo Miglietta, 4a ed., Aestethica, Palermo 1992; Pensieri sull’attuale malcontento, a cura di Gabriella Galliano Passalacqua, ECIG, Genova 1987; e Difesa della società naturale, a cura di Ida Cappiello, Liberilibri, Macerata 1993.

Categorie:
  B, Dizionario del Pensiero Forte
Autore

 Alleanza Cattolica

  (1464 Articoli)